American Assassin: spiegazione del finale del film con Michael Keaton

In onda questa sera in TV, American Assassin è un film del 2017 con protagonisti Michael Keaton e Dylan O’Brein. Action ad alta tensione, tra agenti segreti, esplosioni, terrorismo e desiderio di vendetta, ecco la trama e la spiegazione del finale del film.
Michael Keaton e Dylan O'Brien in una scena del film American Assassin

Adattamento del romanzo L’assassino americano scritto da Vince Flynn, American Assassin andrà in onda questa sera 23 maggio a partire dalle 21.20 su Rai Movie. Action-thriller diretto da Michael Cuesta, è un film ricco di colpi di scena incentrato sulla problematica terroristica, per un crescendo di tensione fino al suo finale con la scena dell’ascensore.

Di cosa parla American Assassin

Protagonista è lo studente universitario Mitch Rapp (Dylan O’Brien della saga distopica Maze Runner, tra gli young adult più apprezzati) che, in seguito ad un attacco terroristico, perde la propria fidanzata rimasta coinvolta nella carneficina. Spinto dal desiderio di vendetta riesce a intrufolarsi all’interno della cellula jihadista, attirando l’attenzione della CIA che decide di reclutarlo. Intraprende così un duro allenamento sia fisico sia psicologico finché non gli viene assegnato il suo primo incarico come agente segreto. Ad appoggiarlo in questa missione ad alto rischio è l’ex agente delle forze speciali stan Hurley.

La spiegazione del finale di American Assassin

Il gruppo operativo Orion guidato da Hurley, interpretato dal Batman più amato dagli americani, Michael Keaton, è sulle tracce del mercenario chiamato “Ghost” entrato in possesso di materiale nucleare, mandato da estremisti iraniani. Questi, dopo aver catturato Hurley, rivela la sua identità, infatti è uno degli allievi della Orion rimasto deluso dall’abbandono da parte del suo mentore. Rintracciato Ghost, inizia un lungo inseguimento che porta alla morte del mercenario, riuscendo così ad impedire che l’ordigno atomico colpisca la flotta americana.

Nel frattempo uno dei membri della pericolosa fazione iraniana, il generale Rostami, è prossimo a vincere le elezioni ma la sua ascesa è destinata ad essere fermata. Hurley si sta riprendendo dalla battaglia con Ghost e, osservando la notizia al telegiornale, comprende che Rapp, fingendo una comune vacanza a Dubai, è sulle tracce del generale. Così, quando l’agente si troverà sullo stesso ascensore di Rostami e del suo entourage porterà a termine la sua vendetta una volta chiuse le porte.

Una scena finale che non mostra ma che lascia aperto un possibile futuro, infatti la serie di romanzi da cui è tratto American Assassin è composta da dodici libri, quindi chissà che, prima o poi non arrivi un seguito.

Facebook
Twitter