A Quiet Place II registra incassi da record al botteghino statunitense

In Italia c’è grandissima attesa per A Quiet Place II. Il film di John Krasinski, che arriverà nelle sale italiane il 24 giugno, è uscito il 28 maggio negli Stati Uniti e ha incassato, in soli tre giorni, 48,3 milioni di dollari, diventando il primo film dell’era covid a registrare un incasso così elevato nella settimana di lancio.
L’horror che vede come protagonista Emily Blunt è stato distribuito in 3.726 sale e ha registrato un incasso simile al primo film del 2017 che, nella prima settimana di programmazione, incassò 50 milioni di dollari.

Il film di John Krasinski, sequel di A Quiet Place, è costato 61 milioni di dollari, una cifra decisamente più consistente rispetto a quella di 17 milioni di dollari spesa per il primo film, ma sembrerebbe che i numerosi posticipi di cui A Quiet Place II è stato oggetto siano stati pienamente ripagati da questi primi numeri al botteghino statunitense.
Il film è stato accolto positivamente anche dalla critica statunitense, che ha lodato in particolare la capacità di John Krasinski di riuscire a concentrarsi sul versante drammatico ed emotivo della vicenda, parzialmente tralasciato a favore di dinamiche più propriamente orrorifiche nel primo film.

A Krasinski è stato inoltre riconosciuto un notevole miglioramento nella capacità di girare scene action mentre le prove degli attori coinvolti, su tutte quella di Emily Blunt, sono state particolarmente lodate.
A Quiet Place II ha inoltre ricevuto un endorsement da William Friedkin, regista di L’esorcista, che su Twitter ha così dichiarato: “A Quiet Place 2 è un classico dell’horror. Il cinema è tornato.”

Il film ha inoltre ricevuto l’apprezzamento di Ryan Reynolds, che ha così commentato il film su Twitter:

Il mio amico John Krasinski può provare a farmi stare zitto quanto vuole, ma non resterò in silenzio su quanto sia fantastico il secondo capitolo di A Quiet Place. Non lo urlerò, tuttavia. Quello sarebbe poco decoroso“.

Questa e altre notizie su CiakClub.it

Facebook
Twitter