Durante il Met Gala 2022, Kim Kardashian ha deciso di indossare un iconico abito di Marilyn Monroe, che però ha riportato danni permanenti.

Durante l’evento del Met Gala 2022 Kim Kardashian ha deciso di indossare un iconico abito di Marilyn Monroe. Questa scelta aveva causato una serie di polemiche sul web, che si sono riaccese nelle ultime ore: sono state infatti diffuse le foto dei danni permanenti che l’abito ha riportato a seguito della sfilata.

Si tratta dell’abito che Marilyn Monroe indossò al Madison Square Garden nel 1962. Fu in quell’occasione che l’attrice intonò Happy Birthday to you per il presidente Kennedy, in una scena a dir poco memorabile. Il vestito era aderente e modellato su misura per Marilyn, sembrando quasi come una seconda pelle. Kim Kardashian ha deciso di indossare questo stesso abito per il Met Gala, nonostante la taglia dell’abito risultasse non adatta al suo corpo.

Nelle ultime ore ChadMichael Morrissette, un visual artist che si occupa di mostre di costumi, ha denunciato sui social i danni permanenti che l’abito ha subito a seguito del Met Gala. Visto in mostra al Ripley’s Believe It or Not! sull’Hollywood Boulevard a Los Angeles, Morrissette dichiara di aver notato diversi difetti nell’abito. In particolare, la cerniera risulta danneggiata, il tessuto strappato, le spalline rovinate e mancano alcune perline e paillettes. Ha quindi scattato delle foto, che ha poi postato sui social.

Marilyn l’ha indossato una notte ed era aderente al suo corpo. Era come la pelle del suo corpo” ha spiegato Morrissette parlando dell’abito. Secondo Vogue, Kim Kardashian avrebbe indossato il vestito originale solo per pochi minuti, passando poi ad una replica fedele, proprio per non rovinarlo.  “Sono estremamente rispettosa dell’abito e di cosa significa per la storia americana. Non vorrei mai sedermi o mangiarci o correre il rischio di danneggiarlo“, aveva spiegato Kardashian a Vogue “Tutto doveva essere cronometrato in modo specifico e ho dovuto esercitarmi per salire le scale mentre lo indossavo“.

Eppure, sembra che queste attenzioni non siano bastate: “Quando hai a che fare con materiali e tessuti vecchi di 60 anni, fili e paillettes… tutto ciò che fai lo danneggia. Ogni volta che lo metti in mostra lo danneggi“, ha dichiarato il Morrissette, che continua: “Se scegli di indossarlo e anche salirci le scale, sei così ignorante riguardo la storia di quel pezzo di tessuto che questa cosa mi fa così arrabbiare“. Il visual artist dice di essersi commosso vedendo l’abito nel suo stato attuale: “Il mio cuore è spezzato. Ho lasciato il museo cercando di non piangere per quello che ho visto. Non posso credere che il vestito di Marilyn sia stato distrutto“.

Questo e molto altro su CiakClub.it

Gaia Franco

Gaia Franco

Lucana, studentessa a Bologna. Appassionata da sempre di cinema, letteratura e qualsiasi forma d'arte.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments