Charlize Theron, intervistata da The Hollywood Reporter, ha parlato dei suoi ruoli in The Boys e Doctor Strange 2.

Charlize Theron ha preso parte a due prodotti che hanno riscosso un notevole successo nell’arco di un mese: Doctor Strange 2 e la terza stagione di The Boys.
Il film Marvel e la serie Amazon Prime Video hanno al centro i supereroi, con la differenza che The Boys è, fra le altre cose, una satira dell’universo cinematografico creato dalla Marvel. Le apparizioni di Charlize Theron in contesti così diversi sono state il tema di un’intervista che l’attrice ha rilasciato a The Hollywood Reporter.
Charlize Theron, che appare nel prologo della terza stagione di The Boys interpretando Stormfront in un film fittizio intitolato L’alba dei Sette, ha così parlato della sua partecipazione allo show, facendo inoltre riferimento a una scena particolarmente significativa:

C’è un pene che esplode? No, non rovinarmi l’esperienza, non l’ho visto. Ho visto che se ne è parlato ma, no, non l’ho visto di persona perché sto lavorando in questo momento. Ma amo lo show. Amo Seth Rogen e amo l’intero team di Point Grey. Ovviamente, abbiamo fatto Long Shot insieme e siamo diventati quasi tutti amici. Sai, ci prendiamo cura l’uno dell’altro ma alla fine, se mi chiamasse e fosse uno spettacolo schifoso, non lo farei. Ma non fanno mai cose schifose. È stato davvero divertente prendere parte allo show.”

Charlize Theron ha poi parlato della sua partecipazione al Marvel Cinematic Universe, saga in cui appare nei panni di Cloe nel corso di Doctor Strange nel Multiverso della Follia e della relazione che questo ruolo ha avuto con il breve cameo in The Boys:

LEGGI ANCHE  Stranger Things 4 vol. 2: le prime foto ufficiali dei nuovi episodi

Quando Kevin Feige mi ha chiesto di unirmi al mondo di Doctor Strange, non sapevo nemmeno quando avrei girato il cameo in The Boys. I ruoli erano così distanti che me ne sono quasi dimenticata. Ma, in piena trasparenza, l’ho condiviso con loro ed erano così felici che le persone fossero interessate a questo mondo, che fosse satira o meno. Non vedo perché entrambi questi modelli di supereroe non possano esistere in questo mondo.”

Per altre notizie continuate a seguirci su CiakClub.it


Arturo Garavaglia

Arturo Garavaglia

Grande appassionato di cinema orientale, apprezzo film di ogni tipo e di ogni genere, dai cult ai "mattoni" filippini. Non bisogna mai porre limiti alla propria curiosità e lasciare che i pregiudizi ci influenzino.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments