Matthew McConaughey si è espresso sulla recente sparatoria avvenuta in Texas, definendola "un'epidemia che possiamo controllare".

È recente la notizia di una sparatoria avvenuta in una scuola elementare ad Uvalde, in Texas, che ha portato alla morte di 19 bambini e due adulti. L’attore Matthew McConaughey, originario proprio di questa cittadina, ha voluto esprimere la sua opinione sull’accaduto. Ha definito il tragico evento come “Un’epidemia che possiamo controllare”.

Matthew McConaughey ha vissuto ad Uvalde per i primi dodici anni della sua vita. La cittadina si trova a circa 80 miglia da San Antonio. La sparatoria è avvenuta oggi nella Robb Elementary School ad opera di Salvador Ramos, uno studente di 18 anni del vicino liceo, poi ucciso dalla polizia.

“Come tutti sapete, oggi c’è stata un’altra sparatoria di massa, questa volta nella mia città natale di Uvalde, in Texas” ha scritto oggi McConaughey in un post condiviso sulle sue pagine social. “Ancora una volta abbiamo tragicamente dimostrato che stiamo fallendo nell’essere responsabili per i diritti che la nostra libertà di garantisce”.

Continua quindi con un invito a tutti gli americani: “il vero invito all’azione ora è che ogni americano si guardi allo specchio più a lungo e più in profondità e si chieda: ‘Che cosa apprezziamo veramente?’ Quali piccoli sacrifici possiamo fare individualmente oggi, per preservare una nazione, uno stato e un quartiere più sani e sicuri domani?” Sottolinea infatti che non è più possibile far finta di niente e accettare queste tragiche realtà “come status quo”.

Aggiunge ancora: “Come americani, texani, madri e padri è ora di rivalutare e rinegoziare i nostri desideri dai nostri bisogni”. Invita quindi alla ricerca di nuovi valori comuni per contrastare questo tragico problema.

LEGGI ANCHE  Letitia Wright decide di eliminare il proprio profilo Twitter

Conclude infine dicendo: “Questa è un’epidemia che possiamo controllare, e comunque la pensiamo sappiamo tutti che possiamo fare di meglio. Dobbiamo fare di meglio. Bisogna agire in modo che nessun genitore debba sperimentare ciò che i genitori di Uvalde e gli altri prima di loro hanno subito”.

Questo e molto altro su CiakClub.it

Gaia Franco

Gaia Franco

Lucana, studentessa a Bologna. Appassionata da sempre di cinema, letteratura e qualsiasi forma d'arte.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments