Jared Leto ha parlato della possibilità di ampliare House of Gucci con un prequel con lui e Al Pacino: e ha già in mente il titolo

In una recente intervista, Jared Leto ha parlato della possibilità – più che altro un desiderio recondito – di ampliare l’universo narrativo di House of Gucci con un film che si focalizzi sui panni di Paolo e Aldo. Si farà il prequel su Jared Leto e Al Pacino? Tutto ciò che ci viene da rispondere è: “No, grazie!“. Anche un per favore a corredo, quasi una supplica, ma da leggere in italo-americano maccheronico e con le mani a borsa, distintiva gestualità nostrana.

L’attore di Dallas Buyers Club, trasformista insaziabile che in quest’ultimo film si è sottoposto a un trucco prostetico che l’ha reso praticamente irriconoscibile, ha parlato dell’esperienza del set al The Jess Cagle Show di SiriusXM, spiegando quanto sia stato importante e arricchente il confronto con un mostro sacro come Al Pacino. Esperienza che Leto vorrebbe approfondire con un prequel dedicato alla sola coppia di attori. E ha già un titolo in mente: “Just The Two of Us, potrebbe chiamarsi“.

Nell’ultimo film di Ridley Scott attualmente nelle sale, che in Italia è stato fondamentalmente massacrato mentre all’estero ha ottenuto il favore di alcuni e qualche posizionamento nell?Awards Season, Pacino e Leto interpretano rispettivamente Aldo e Paolo Gucci, padre e figlio di un ramo della famiglia emarginato da Maurizio (Adam Driver) prima che si consumasse il suo omicidio su mandato della moglie Patrizia Reggiani (Lady Gaga).

Nonostante l’evidente assenza di gusto e la fondamentale idiozia di Paolo, fra lui e il padre si sviluppa un rapporto di reciproco accudimento. Ciò che fa tremare i polsi però, in un eventuale prequel, è il principale motivo per cui House of Gucci si conferma uno dei film più evitabili e sbagliati dell’ultimo anno: il fatto che si risolva in un generale stereotipo dettato da una sola, gigantesca, idiozia registica. Una direzione attori che, senza un motivo preciso, li ha costretti a quella pronuncia maccheronica che riesce solo a prendere il peggio dell’America e il peggio dell’Italia.

LEGGI ANCHE  In arrivo un documentario su Billie Eilish sulla piattaforma Apple Tv+ ?

Perché una produzione americana con attori americani, da sempre impostata sull’inglese anche in film ambientati in tutt’altro luogo – si veda proprio il recente The Last Duel – abbia dovuto adottare questa premessa di partenza, finendo per rovinare un intero film, rimarrà un vero mistero. Preferiamo non approfondire infatti. Perché in quella generale folia, se Al Pacino riesce a salvare il salvabile, Jared Leto sembra crederci più di tutti gli altri. Risultando così, forse neanche per sua responsabilità, semplicemente inascoltabile.

Questo e altro su CiakClub.it

Carlo Giuliano

Carlo Giuliano

Classe ’99, studente di Filosofia presso l’Università ‘La Sapienza’. Da sempre appassionato di pop culture, di letteratura fantascientifica e distopica, di quanto la buona vecchia America ci ha regalato in fatto di musica fra gli Anni ’50 e ’70 e soprattutto di cinema in ogni sua forma, senza barriere né confini, con specifica attenzione al panorama anglosassone.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments