Il nuovo film di Martin Scorsese dopo Killers of the Flower Moon sarà un biopic sulla band con Jonah Hill nei panni del frontman

Non c’è ancora stato un annuncio ufficiale del fine riprese per il suo ultimo, e già Martin Scorsese getta le premesse per il suo prossimo film. Sarà un biopic sui Grateful Dead, una delle più grandi rock band della storia statunitense, formatasi nel ’65 durante la Summer of Love di San Francisco e in pieno flusso della psichedelia e della controcultura. Frontman del gruppo era Jerry Garcia, la cui morte nel ’95 fu l’unico evento capace di mettere un punto al periodo di attività musicale dei Grateful Dead, durato trent’anni.

A interpretare Garcia sarà Jonah Hill, già scritturato – e consacrato – da Scorsese in The Wolf of Wall Street. All’epoca, l’attore accettò un cachet di soli 60.000 dollari – contro i 10 milioni dati a DiCaprio – per lavorare con il regista, disposto a tutto e conscio che il ruolo l’avrebbe portato lontano. Così è stato: successivamente ha lavorato con registi del calibro dei Fratelli Coen, di Todd Phillips, di Gus Van Sant e Adam McKay. Ha anche fatto da protagonista nella miniserie Maniac per Netflix, ma oggi viene richiamato in pompa magna come protagonista di Scorsese.

Jonah Hill e Jerry Garcia

Jonah Hill e Jerry Garcia

Il regista, lo ricordiamo, è attualmente impegnato a dirigere Killers of the Flower Moon, il western da duecento milioni di dollari di budget che molti preannunciano già come uno dei più grandi film di genere degli ultimi anni e che dovrebbe riunire i due mostri sacri ed eterni feticci di Martin Scorsese, Robert De NiroLeonardo DiCaprio. I ciak, iniziati ad aprile con più di un anno di ritardo a causa di un passaggio di mano fra studios – da Paramount ad Apple – puntavano a chiudersi ottimisticamente entro sette mesi, cioè a breve. Conclusa la fase di post-produzione, il film dovrebbe arrivare il prossimo anno.

LEGGI ANCHE  Per Flavia Vento i film di Quentin Tarantino sono per malati di mente

Oltre a fare, rispettivamente, da regista e star, Scorsese e Hill si occuperanno anche della produzione del biopic – curata nuovamente da Apple – che potrà contare sul sostegno della band originale e a quanto pare anche sui diritti di sfruttamento dei brani, condizione indispensabile per un buon biopic a tema rock. D’altronde Scorsese non è nuovo a biopic e documentari soprattutto su artisti centrali nella seconda metà del ‘900: ne ha girati uno sui Rolling Stones, uno su George Harrison e due su Bob Dylan, oltre ad aver curato la produzione di Long Strange Trip, documentario sui Grateful Dead, già nel 2017. In questo nuovo progetto troveremo come gli sceneggiatori di American Crime Story: Impeachment, Scott Alexander e Larry Karaszewski.

Questo e altro su CiakClub.it

Carlo Giuliano

Carlo Giuliano

Classe ’99, studente di Filosofia presso l’Università ‘La Sapienza’. Da sempre appassionato di pop culture, di letteratura fantascientifica e distopica, di quanto la buona vecchia America ci ha regalato in fatto di musica fra gli Anni ’50 e ’70 e soprattutto di cinema in ogni sua forma, senza barriere né confini, con specifica attenzione al panorama anglosassone.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments