Il muscoloso e tamarrissimo Vin Diesel oggi compie gli anni, gli auguriamo buon compleanno con questa insolita e ironica top 5

Oggi vogliamo fare qualcosa di diverso da solito, oggi, in occasione del suo compleanno, ci vogliamo divertire un po’, oggi, indagheremo i motivi del successo planetario dell’attore più tamarro della storia del cinema: Vin Diesel.

Il nome

Già, perché alla base di ogni attore di successo o artista di spicco spesso c’è un nome accattivante, un nome capace di restare impresso ancor prima dell’eventuale talento del quale il personaggio si è dimostrato in possesso.

Un nome che seduce l’attenzione ha più o meno la stessa importanza che nel film American Psycho viene data da Patrick Bateman ai biglietti da visita.

Vin Diesel sfrutta la musicalità ed il fascino della lingua inglese, inutile dire che l’infelice traduzione letterale italiana non avrebbe reso a Vincenzo Gasolio lo stesso appeal.

Ma, nome a parte, perché il nostro buon Vincenzo è a tutti gli effetti un tamarro? Chi è un tamarro?

Se la treccani definisce un tamarro come “persona, per lo più di periferia, dai modi e dall’aspetto rozzi, volgari, villani” noi italiani sappiamo bene che la definizione va presa con le pinze, poiché il significato del termine ha assunto connotazioni ben più legate all’apparenza di una persona, piuttosto che ai modi.

Storicamente la nascita del tamarro è accostabile al paninaro, soggetto estremamente vincolato alle mode e ai capi di abbigliamento griffati, ben più che al senso del gusto e dello stile.

Da qui in poi si è esasperata la tendenza verso l’apparire: canottiere, palestra, tatuaggi, collane, anelli e chi più ne ha più ne metta.

Non che un singolo aspetto di questi renda necessariamente tamarri, ma la somma spesso rappresenta ben più di un sospetto.

Ed è proprio qui che si inserisce il nostro amato Vin Diesel, poiché in quasi qualunque contesto si trovi sono spesso i suoi bicipiti a farla da protagonisti, coperti raramente e senza grande parsimonia.

Possiamo quindi stilare una classifica dei 5 momenti più tamarri della vita di Vin Diesel:

1. Dominic Toretto

Impossibile non partire da Dom Toretto, vero e proprio personaggio chiave della saga di Fast and Furious, ruolo che lo ha reso noto in tutto il mondo.

Il padrone di casa, nucleo della famiglia Toretto, che ci sia sole o pioggia, che ci sia caldo o gelo, non può mancare di sfoggiare il classico outfit con collana d’oro, crocifisso e canottiera.

Una scena in particolare merita la nostra attenzione: quella in cui Brian O’Conner lo riporta a casa evitandogli la galera. La giacca in pelle (comunque velocemente tolta), i comportamenti da maschio Alpha e la semicitazione di Henry Ford adattata all’unica birra bevuta dal suo personaggio (“Puoi scegliere la birra che vuoi purché sia una Corona”) sono una chicca degna di nota.

Vin Diesel

2. Xander Cage

Xander Cage è il protagonista di XXX, film del regista Robert Cohen nel quale Vin Diesel è praticamente Dominic Toretto sotto mentite spoglie anzi, vista la vicinanza cronologica dei due film e soprattutto avendo come denominatore comune lo stesso regista, possiamo affermare che Cage sia, almeno dal un punto di vista di mera cafonaggine, Toretto inserito in una differente Cornice.

Ipertrofico, strafottente, ribelle. Si guadagna da vivere postando video delle proprie imprese su internet e viene reclutato come agente dal governo americano.

LEGGI ANCHE  George Miller afferma la sua volontà di proseguire con la saga di Mad Max

Metterà da parte la passione per gli sport estremi per aiutare il proprio paese, giocando secondo le proprie regole e, ovviamente, indossando canottiera (alternata ad una camicia di jeans senza maniche nel secondo capitolo ed una giacca con una pelliccia che ricorda quella di Antonio Cassano alla presentazione del Real Madrid) e collana d’oro.

3. Richard B. Riddick

Richard B. Riddick è uno spietato assassino, trasportato in ibernazione da un’astronave che, a causa di un guasto derivante dallo scontro con i detriti della coda di una cometa, viene attratto da un pianeta sconosciuto, nel quale il personaggio di Vin Diesel riuscirà a scappare seminando il panico tra l’equipaggio.

La novità del ruolo è senza dubbio l’occhiale improbabile che accompagna la consueta canottiera. Sebbene questo film anticipi in linea temporale i precedenti, possiamo considerarlo il manifesto della propria cifra stilistica, in poche parole: a Vin Diesel non piacciono le maniche.

E se Richard B. Riddick segna l’esordio cinematografico della mai abbandonata canottiera (in 1 km da Wall Street si veste con giacca e cravatta, guardare per credere), va detto che il celebre crocifisso d’oro è datato 1998 quando, nel seppur omologante ambiente dell’esercito, Vin Diesel alias soldato scelto Carpazo, sfoggiava una vistosa collana, poi generosamente donata ad una bambina francese da lui salvata prima di venire colpito.

Vin Diesel

4. Taylor Reese

Tylor Reese è lo zio mafioso di Matt Damaret, ragazzo che cerca un lavoro ma i cui colloqui hanno un costante esito negativo a causa dei propri parenti, Tyler Reese appunto e il padre Benny.

In questo lungometraggio dal titolo Compagnie pericolose di Brian Koppelman e David Levien Vin Diesel sfoggia tutti gli elementi che lo caratterizzano, seppur con qualche interessante variante: se la canottiera bianca non può essere messa in discussione, la collana d’oro sfoggia una stella di re Davide al posto del crocifisso, che trova continuità in un tatuaggio riportante lo stesso simbolo sul bicipite destro.

Orologio e anelli sono la ciliegina sulla torta di un personaggio pensato per competere con i “divi” di Jersey Shore. Il breve monologo presente in questo video poi supera alla grande ogni nostra più rosea aspettativa.

5. Avatar 2

Concluderei però parlando della sua partecipazione ad Avatar 2 poiché, insieme a CJ Jones, risulta l’unico il cui ruolo non è ancora stato reso noto. Mi aspetto quindi di vedere un Na’ vi in canottiera bianca e collana d’oro che brinda all’unità familiare.

Dopo tutto ciò possiamo affermare che si scherza, anche perché la caratteristica di buona parte dei personaggi da lui interpretati possiede un’ulteriore elemento comune, ovvero la bontà di fondo. Buon compleanno Vin Diesel, il re dei tamarri ma con un cuore ipertrofico almeno quanto il bicipite.

Venite a trovarci su Ciakclub.

Tommaso Serena

Tommaso Serena

Cinematograficamente onnivoro, sono cresciuto tra l'autorialità dei fratelli Coen ed i fagioli western di Bud Spencer e Terence Hill. Sogno di sceneggiare un film in cui Trinità e Bambino prendono a sberloni i responsabili del furto del proprio tappeto che "dava un tono all'ambiente".

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments