Nomadland, al termine della prima settimana di riapertura delle sale, è in testa alla classifica degli incassi.

Si è appena conclusa la settimana che ha visto la riapertura dei cinema italiani dopo molti mesi di stop. Nelle sale sono arrivati film appena usciti dalla tornata degli Oscar, film che hanno avuto una doppia distribuzione fra piattaforme streaming, film che hanno ottenuto riconoscimenti nei cinema europei e classici contemporanei restaurati. Gli incassi, ovviamente, non sono stati eccezionali, data la riapertura solo di alcune sale nel territorio italiano, ma testimoniano la volontà del pubblico di tornare al cinema.
A guidare la classifica del box office italiano è Nomadland di Chloé Zhao. Il film vincitore di 3 premi Oscar ha incassato 429.047 euro e ha registrato più di 62.000 presenza in sala.

Secondo per incassi è un altro film candidato agli Oscar, ma uscito quasi a mani vuote dalla notte dei premi americani, Minari di Lee Isaac Chung.
Il film che ha come protagonista una famiglia di coreani che si trasferisce negli Stati Uniti negli anni ’80 e che vede nel cast Steven Yeun e Yoon Yeo-jeong (Premio Oscar come miglior attrice non protagonista) ha incassato 111.503 euro e ha registrato quasi 17.000 presenze in sala.

Maggie Cheung di profilo con alle spalle Tony LeungNella classifica degli incassi compare anche, al terzo posto, In the Mood for Love di Wong Kar-wai. Il film del 2000, tornato al cinema a seguito del restauro seguito dalla Cineteca di Bologna con la supervisione del regista di Hong Kong, ha incassato 36.868 euro, una cifra da non sottovalutare dal momento che il film è uscito in poche sale e, nonostante ciò, è riuscito a registrare quasi 6.000 presenze.

LEGGI ANCHE  Ben Affleck sul futuro del cinema: "Ci saranno sempre meno film nelle sale"

Fra i film italiani, pur con un incasso minimo, si segnala la presenza di Est – Dittatura Last Minute, al quarto posto. Il road movie di Antonio Pisu ha incassato 18.537 euro ed è stato visto da 2986 persone. Un dato sicuramente minimo, ma che testimonia, ancora una volta, la volontà del pubblico di tornare al cinema e vedere anche film al di fuori dal circuito dei premi. Film che, come nel caso di Est – Dittatura Last Minute, hanno inoltre già incontrato una distribuzione in streaming.

Questa e altre notizie su CiakClub.it

Arturo Garavaglia

Arturo Garavaglia

Grande appassionato di cinema orientale, apprezzo film di ogni tipo e di ogni genere, dai cult ai "mattoni" filippini. Non bisogna mai porre limiti alla propria curiosità e lasciare che i pregiudizi ci influenzino.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments