Matthew McConaughey, ospite a Che tempo che fa, ha raccontato di come sia finito nei guai suonando in casa sua senza vestiti

Matthew McConaughey è intervenuto nella trasmissione Che tempo che fa e, per la gioia di tutti i suoi fan italiani, ha raccontato un divertente aneddoto sul giorno del suo compleanno quando, dopo una serata a base di erba, bongos e nudità, è stato arrestato dalla polizia nel terrazzo di casa sua:

“Se suoni i bongos e sei nudo a casa tua, che è un posto privato, nel giorno del tuo compleanno, nessuno dovrebbe arrestarti. Non è un crimine per cui ti possano arrestare, casomai ti devono applaudire!”

LEGGI ANCHE  Titanic, Matthew McConaughey: "Non ho mai rifiutato il ruolo di Jack"

L’attore ha poi continuato spiegando la lezione che ha imparato:

Se ce ne fossero di più potrebbe essere una cosa ancora più poetica. La lezione che ho imparato è che quando fai una cosa del genere non devi mai lasciare le finestre aperte, altrimenti il suono arriva e sveglia i vicini. La lezione che ho da insegnare è questa: chiudere le finestre.”

Matthew McConaugheyPer Matthew McConaughey appagare lo spirito è decisamente importante, quando è arrivato quel momento infatti ha ammesso:

Era giunto il momento di farmi una canna e ascoltare le belle melodie africane di Henri Dikongué che uscivano dai miei altoparlanti. Era giunto il momento di tirare fuori i bongos per seguire il ritmo del blues. Era giunto il momento di una jam sessionQuello che non sapevo era che mentre stavo suonando immerso nella mia beatitudine, anche due poliziotti di Austin pensavano che fosse ora di irrompere in casa mia senza preavviso. Sbattermi a terra con i manganelli, ammanettarmi e inchiodarmi sul pavimento.”

E voi, cosa ne pensate di questa folle jam session di Matthew McConaughey?
Fatecelo sapere nei commenti. Per questa ed altre news e per rimanere sempre aggiornati sul mondo del cinema attraverso focus, classifiche e recensioni, veniteci a trovare sul nostro sito: Ciakclub.
Tommaso Serena

Tommaso Serena

Cinematograficamente onnivoro, sono cresciuto tra l'autorialità dei fratelli Coen ed i fagioli western di Bud Spencer e Terence Hill. Sogno di sceneggiare un film in cui Trinità e Bambino prendono a sberloni i responsabili del furto del proprio tappeto che "dava un tono all'ambiente".

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments