L'attrice e cantante Miley Cyrus si racconta spiegando il motivo che l'ha spinta a sposarsi con l'attore Liam Hemsworth

La rivista Rolling Stone ha scelto Miley Cyrus per la copertina della sua rivista. L’attrice e cantante si racconta in una lunga intervista, nella quale non si è tirata indietro dal parlare del suo matrimonio durato solo otto mesi con Liam Hemsworth:

In un certo senso, il fuoco ha fatto quello che non potevo fare da sola. Mi ha allontanato da ciò che non serviva più al suo scopo poi, mentre anneghi, raggiungi quel salvagente e vuoi salvarti. Penso che sia davvero quello che, in definitiva, abbia rappresentato per me il matrimonio. Un ultimo tentativo di salvarmi

La cantante ha poi continuato:

Un paio di anni fa, sembrava che stessi vivendo una favola. In realtà non lo era. A quel tempo, la mia sperimentazione con droghe e alcol e la cerchia di persone intorno a me non era soddisfacente o sostenibile. C‘è l’idea che durante l’era di ‘Younger Now’ fossi pura. Ai media piace prendere i miei capelli e la mia apparenza come punto di riferimento per valutare la mia sanità mentale: i capelli sono lunghi e biondi? Lei è sana di mente in questo momento, non può essere fottuta con la droga. È quando i suoi capelli sono colorati o si sta facendo crescere i peli delle ascelle che è drogata’“.

LEGGI ANCHE  Miley Cyrus e Liam Hemsworth: fiori d'arancio per la coppia hollywoodiana!

Ecco la copertina della rivista con Miley Cyrus:

Tale forma mentis, secondo Brittany Spanos, autrice dell’intervista, denota una certa “visione stereotipata della femminilità e delle donne“; visione condivisa da Miley Cyrus che ha aggiunto:

“Sì, al cento per cento. ‘Ha un uomo. Vive in una casa e fa la moglie, sta bene’: Amico, ero molto più fuori dal mio percorso in quel momento rispetto a qualsiasi altra volta in cui la mia sanità mentale veniva messa in dubbio”.

E voi, cosa ne pensate?

Fatecelo sapere nei commenti e, per questa ed altre interessanti news, venite a trovarci su Ciakclub.

 

 

Tommaso Serena

Tommaso Serena

Cinematograficamente onnivoro, sono cresciuto tra l'autorialità dei fratelli Coen ed i fagioli western di Bud Spencer e Terence Hill. Sogno di sceneggiare un film in cui Trinità e Bambino prendono a sberloni i responsabili del furto del proprio tappeto che "dava un tono all'ambiente".

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments