Confermato il sequel di Dirty Dancing con Jennifer Grey

Il sequel di Dirty Dancing è stato confermato, nel cast del film torna Jennifer Grey e Jonathan Levine è alla regia, prodotto da Lionsgate.

0
323
Dirty Dancing

Sono stati confermati i rumors che giravano un mese fa, in cui si diceva che era in produzione il sequel di Dirty Dancing, con Jennifer Grey nel cast.

Nonostante lo studio di produzione, la Lionsgate, abbia cercato di mantenere il segreto, la notizia è scappata al loro controllo, tanto che l’amministratore delegato ha descritto il progetto come “uno dei segreti mantenuti nel modo peggiore a Hollywood”.

Dirty Dancing: il sequel

Il sequel di Dirty Dancing è stato scritto da Mikki Daughtry e Tobias Iaconis, autori di La Llorona – Le Lacrime del Male, e sarà diretto da Jonathan Levin, che ne cura anche lo sviluppo in collaborazione con Gillian Bohrer.

Feltheimer ha parlato del lungometraggio dichiarando: “Sarà esattamente quel tipo di film romantico e nostalgico che i fan del franchise hanno aspettato a lungo e che hanno reso l’originale il titolo più venduto di sempre nel catalogo della società“.

Ancora non si hanno molti dettagli sulla trama, dove sarà ambientato? In che epoca? Jennifer Grey interpreterà ancora Francis Houseman, la nostra Baby?

Dirty Dancing

Si presume sarà ambientato negli anni ’90, ovvero trent’anni dopo rispetto all’originale, che si svolgeva nell’estate del 1963. Quindi dovremmo incontrare una Baby cresciuta, matura, proprio per questo la scelta della medesima attrice sembra la scelta migliore.

Una cosa però è certa, senza Patrick SwayzeDirty Dancing non sarà lo stesso.

Dirty Dancing, l’originale

Dirty Dancing, diretto da  Emile Ardolino e scritto da Eleanor Bergstein, racconta la vacanza della famiglia Houseman presso un villaggio turistico nelle Catskill Mountain. Qui la figlia minore Francis, detta Baby, conoscerà il ballerino Johnny Castle. Questi farà da maestro di ballo a Baby, finché tra i due non nascerà un legame speciale.

Inutile dire che ebbe un successo mondiale, incassando ben 217 milioni di dollari e un Oscar per la miglior canzone con “(I’ve Had) the Time of My Life”.

Come sempre, vi terremo aggiornati.

Questa e altre notizie nella sezione news di CiakClub.

Ricerco nell’arte l’espressione tangibile dei miei pensieri e la confutazione degli stessi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here