Guillermo del Toro sulla produzione di Antlers e Nightmare Alley

Guillermo del Toro ha parlato della realizzazione dei suoi due nuovi film, Antlers e Nightmare Alley durante il video stage del Comic-Con.

0
225
del Toro
Mandatory Credit: Photo by John Salangsang/BFA/REX/Shutterstock (9960120ab) Guillermo Del Toro LACMA: Art and Film Gala presented by Gucci, Los Angeles, USA - 03 Nov 2018

Come riporta Variety, Guillermo del Toro Scott Cooper hanno parlato al virtual stage di Comic-Con sulla produzione del film horror Antlers. Inoltre, hanno parlato dei cambiamenti che il coronavirus ha portato nel loro lavoro in generale, portando come esempio la realizzazione di Nightmare Alley, prossimo film diretto da del Toro.

Antlers

Antlers è il film diretto da Scott Cooper e prodotto da del Toro che si basa sul racconto breve The Quiet Boy di Antosca. L’horror sovrannaturale segue la vicenda di una giovane insegnante che scopre che il padre di un suo alunno problematico e il fratello minore custodiscono un mortale segreto. Iniziando a prendersi cura del ragazzo, l’insegnante deve lottare per la loro sopravvivenza, contro orrori che vanno al di là di ogni immaginazione.

Keri Russell è la protagonista, l’insegnate che si preoccupa dell’alunno, interpretato da Jeremy T. Thomas. Nel cast anche Jesse Plemons che ha il ruolo dello sceriffo, fratello della donna, che inizia a indagare sui segreti del ragazzino.

La storia si concentra su una creatura del folklore nativo americano, il wendigo, e il regista ha svelato che per lui il mostro rappresenta l’avarizia e il colonialismo: “Più mangia più ha fame, e più mangia più diventa debole. è la metafora dell’insaziabilità attuale.”

L’uscita di Antlers è stata spostata per via della pandemia al 19 febbraio 2021.

Nightmare Alley

Nightmare Alley, invece, è il prossimo film diretto da Guillermo del Toro. Un thriller psicologico basato sull’omonimo racconto di William Lindsay Gresham, adattato da del Toro stesso e Kim Morgan.

Il film vanta un cast importante: Bradley Cooper, Cate Blanchett, Willem Dafoe, Toni Collette e persino Romina Power. Quindi non c’è molto da stupirsi che il regista abbia raccontato che una delle sfide più grandi è stata l’agenda, creata in base agli impegni del cast e continuamente rimandata a causa del virus.

“La benedizione dell’avere questo cast è meravigliosa, ma la difficoltà nel riprogrammare con tutti loro è enorme. Perché tutti si stanno riprendendo, tutti stanno andando ovunque. Devi lavorare guardando l’agenda di ognuno di loro.”

Un’altra sfida sta nel riprendere le riprese in sicurezza, che lui ha definito come “operare su un grande teatro chirurgico”. Tuttavia, è anche piuttosto ottimista sul futuro, definendo il suo lavoro come “l’arte di estrarre la bellezza dalle avversità”.

Questa e altre notizie nella sezione news di CiakClub.

Ricerco nell’arte l’espressione tangibile dei miei pensieri e la confutazione degli stessi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here