Matrix: Kubrick ha complicato la lavorazione dei due sequel

Il direttore della fotografia della trilogia di Matrix Bill Pope ha spiegato come Kubrick abbia influito negativamente sulle riprese dei film della saga

0
357
Matrix

Bill Pope, direttore della fotografia della trilogia di Matrix, è intervenuto nel podcast di Roger Deakins raccontando un aneddoto decisamente interessante, ovvero di quando niente meno che Stanley Kubrick abbia reso più complessa la lavorazione dei due sequel della trilogia di fantascienza.

Pope parte da una premessa:

“Tutto ciò che era andato bene durante il primo film, ha cominciato ad andare male nei due successivi. Non eravamo più liberi. La gente ci guardava, c’era tanta pressione”.

Poi è passato a quella che, almeno secondo lui, è la responsabilità di Kubrick:

“Onestamente, non mi piacevano. Sentivo che dovevamo andare in un’altra direzione. C’erano molte frizioni e molti problemi personali, e sinceramente si vedevano sullo schermo. Non è stato il mio momento migliore né quello degli altri. Le Wachowski avevano letto questo maledetto libro di Stanley Kubrick che diceva: gli attori non riescono a essere naturali finché non li rendi esausti, quindi avanti con il ciak numero 90! Avrei voluto disseppellire Stanley Kubrick e ucciderlo”.

Visualizza immagine di origine

Ha poi concluso con la propria visione di come dovrebbe essere girato un fillm:

“Una lavorazione così lunga, 276 giorni, è noiosissima per la mente e l’anima, e rende un film noiosissimo. Pensate a Lo Hobbit, diviso in 3 film girati insieme e tutti noiosissimi. Se leggi dei libri non hai la stessa impressione perché li prendi e poi se vuoi li posi. La lavorazione di un film è molto lunga e c’è un limite che non dovrebbe essere oltrepassato”.

Per chi se lo fosse perso, ecco il breve riassunto di Matrix:

Thomas Anderson / Neo (Keanu Reeves) è un programmatore della Metacortex, virtuoso cittadino di giorno, mentre di notte è un pericoloso hacker.
A causa dei suoi illeciti, è tenuto sotto osservazione dagli agenti Smith (Hugo Weaving), Brown e Jones, che gli inseriscono una cimice nel corpo per controllarlo.
Incontra un’altra hacker, Trinity (Carrie-Anne Moss), che gli propone di seguirlo per conoscere il suo capo Morpheus (Laurence Fishburne) ,il quale gli spiegherà tutto riguardo ad una realtà chiamata Matrix.

Seguiteci su Ciakclub.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here