Hugh Jackman: “Non dimenticherò mai il mio addio a Wolverine”

In un'intervista a Variety Hugh Jackman ha ricordato le ultime scene girate nei panni di Wolverine, ruolo che lo ha accompagnato per 17 anni.

0
227
jackman

Hugh Jackman, in un’intervista assime ad Anne Hateway per il format Actors on Actors di Variety, ha ricordato l’ultima scena in cui ha interpretato Wolverine, ovvero la scena della sua morte che conclude Logan.
Dopo aver interpretato per 17 anni il personaggio della saga degli X-Men, Hugh Jackman ha trovato molto emozionante il suo addio al personaggio.

Stavo lavorando con un regista con cui ho lavorato tre volte in precedenza, di cui mi fido in modo implicito, Jim Mangold. Mi ricordo che quando abbiamo girato quella scena, la stavamo realizzando in una location in cui erano pieno di tempeste di fulmini, e dovevamo fermare le riprese. Ha detto ‘Non possiamo fare questa grande scena d’azione. Ma gireremo la scena della morte’. Io ho reagito dicendo ‘ora?’. E ha replicato: ‘Ci sarete solo tu e Dafne, se potresti semplicemente farlo’. Ho pensato ‘Okay’. Sapeva che era la cosa migliore per me“.

Hugh Jackman ha poi affermato che l’ultima scena di Logan è scritta in modo meraviglioso in quanto in grado di trasmettere appieno le sensazioni di stare per morire e di pensare alla propria “famiglia”.

“Siamo andati lì e stavamo girando la scena. Dafne aveva 11 anni ed era fantastica. Ha girato la scena con Dafne in due ciak e poi ha detto ‘Facciamone un’altra’. Ho risposto ‘Sei sicuro? Penso che…’. Ma mi ha subito fermato: ‘Lasciamo stare il tempo, non preoccupiamoci di niente. Questa è la fine di 19 anni. Concediamoci trenta minuti’. Ha fatto partire le telecamere e il fatto che mi abbia permesso, non solo come attore ma come Hugh, di ricordare quel momento è stato un lusso che non dimenticherò mai“.

Questo quanto dichiarato da Hugh Jackman, che ha inoltre affermato di aver pianto in numerosi ciak che poi vennero, ovviamente, scartati da James Mangold.

Questa e altre notizie su CiakClub.it

Grande appassionato di cinema orientale, apprezzo film di ogni tipo e di ogni genere, dai cult ai “mattoni” filippini. Non bisogna mai porre limiti alla propria curiosità e lasciare che i pregiudizi ci influenzino.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here