Patty Jenkins, regista che ha raggiunto la fama mondiale attraverso la pellicola su Wonder Woman targata DC Comics, si è espressa circa la concorrenza: Marvel.

Ecco le sue parole:

“Mi piacciono molto le persone che lavorano lì, ma vogliono il controllo totale sui loro film. Il regista è sotto il loro controllo. Sì, può capitare, e poi è evidente quando un regista o una regista non può imporre la sua visione. Quando succede, ho sempre l’impressione che la gente faccia un lavoro diverso dal mio. Ma con Wonder Woman 1984 ho fatto esattamente ciò che volevo e tutto ciò che un cinecomic necessita mi è apparso naturale: adoro girare grandi scene d’azione su grandi set. Mi piace davvero tanto.”

Patty Jenkins

Patty Jenkins ha poi continuato parlando invece del proprio cinecomics e affermando:

“Non credevo di poter fare un bel film basandomi sulla sceneggiatura che volevano usare. Sarebbe stato un problema bello grosso, perché tutti avrebbero incolpato me dei difetti del film. Avrebbero detto: “Oddio, questa donna lo ha diretto e ha sbagliato tutte queste cose”. È stato uno di quei momenti, nella mia carriera, in cui mi sono detta: “Se un altro regista facesse questo film, non sarebbe un gran problema. E forse, addirittura, lo capirebbero meglio e lo apprezzerebbero più di quanto faccia io”.
Non puoi fare un film in cui non credi. L’unica ragione per farlo sarebbe stata per dimostrare alla gente che ero in grado. Ma se fosse stato un fallimento, non avrei dimostrato un bel niente. Non penso che mi avrebbero dato un’altra possibilità. E quindi, sono davvero grata per come sono andate le cose.”

E voi, avete apprezzato Wonder Woman? Ma soprattutto, siete d’accordo con le parole della regista Patty Jenkins?

LEGGI ANCHE  Emilia Clarke ha da ridire sul finale del Trono di Spade

Fatecelo sapere nei commenti e, per questa ed altre interessanti news, venite a trovarci su Ciakclub.

Tommaso Serena

Tommaso Serena

Cinematograficamente onnivoro, sono cresciuto tra l'autorialità dei fratelli Coen ed i fagioli western di Bud Spencer e Terence Hill. Sogno di sceneggiare un film in cui Trinità e Bambino prendono a sberloni i responsabili del furto del proprio tappeto che "dava un tono all'ambiente".

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments