Melancholia è universalmente riconosciuto come uno dei migliori film del controverso regista danese Lars von Trier e, a decennio terminato, sono state moltissime le testate giornalistiche che hanno inserito il film di “fantascienza” nelle classifiche dei migliori film del decennio.
Unanimamente acclamata fu, di Melancholia, la superlativa prova di Kirsten Dust che vinse il Premio come miglior attrice protagonista al Festival di Cannes del 2011.

Melancholia fu presentato in competizione per la Palma d’oro al Festival di Cannes del 2011 nell’anno in cui il premio andò a The Tree of Life di Terrence Malick e, nella conferenza stampa di lancio del film, Lars von Trier si lasciò sfuggire le famose frasi anti-semite che scatenarono un’ondata di sdegno generale.
In una recente articolo sul quotidiano Liberation il regista e critico cinematografico Olivier Assayas, membro della giuria del Festival di Cannes del 2011, ha dichiarato che la maggior parte della giuria propendeva per far vincere la Palma d’Oro al film di Lars von Trier, ma che non lo vinse per via delle controverse dichiarazioni del regista danese.
Queste le sue parole:

“L’altro scandalo era la conferenza stampa dove Lars von Trier aveva detto quelle frasi anti-semite. Ognuno aveva da portare acqua al proprio mulino. La mia idea era che io non ero stato scelto per essere un giudice morale e, per me, Melancholia era un film magnifico. Ci furono serie conseguenze per quella conferenza stampa dal momento che il film era seriamente candidato per la Palma d’Oro. Per prima cosa c’erano solo due giurati, Jude Law e io, che pensavamo che anche The Tree of Life di Terrence Malick potesse vincere il premio principale. La ragione per la quale gli altri membri della giuria si unirono a noi fu solo perchè avevano perso il film che favorivano.”

Anche il presidente della giuria dell’edizione, Robert De Niro, si dovette piegare alla scelta di non far vincere la Palma d’oro a Melancholia.
Nonostante tutto il premio principale del Festival di Cannes andò a un film che ha riscosso un enorme consenso da parte della critica e che è ancora oggi, insieme a Melancholia, considerato fra i migliori film del ventunesimo secolo, The Tree of Life di Terrence Malick.

LEGGI ANCHE  The House that Jack Built, ecco il trailer del nuovo thriller di Lars Von Trier

Questa e altre notizie su Ciakclub.it

 

 

Arturo Garavaglia

Arturo Garavaglia

Grande appassionato di cinema orientale, apprezzo film di ogni tipo e di ogni genere, dai cult ai "mattoni" filippini. Non bisogna mai porre limiti alla propria curiosità e lasciare che i pregiudizi ci influenzino.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments