Cinema e coronavirus: in Italia potrebbero tornare i drive-in

L'emergenza coronavirus sta arrecando gravissimi danni economici all'industria cinematografica. Per limitare gli effetti della crisi, in Italia potrebbero tornare i drive-in.

0
9357
drive-in

L’idea, spesso romantica, dei drive-in ha da sempre affascinato gli appassionati della settima arte e, vista l’emergenza coronavirus, in Italia sono molte le associazioni e i cinema a pensare ad una riapertura di questi anche solo temporanea.
La crisi che sta colpendo l’economia italiana durante la pandemia avrà risvolti estremamente negativi sul mondo dei cinema, già da molti anni economicamente in bilico.
Con l’avvento della Fase 2 in Italia, inoltre, non ci sarà ovviamente margine di ripresa delle attività per i luoghi e gli esercenti di “socialità” per eccellenza, ovvero i cinema e i teatri.

Per ovviare ad una situazione che rischia davvero di causare un disastro senza precedenti l’Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali (ANICA) ha proposto, con l’imminente arrivo dell’estate, proiezioni di film all’aperto che sarebbero in grado di garantire il rispetto di ipotetiche norme di distanziamento che saranno sicuramente introdotte nella Fase 2.

La Cineteca di Bologna, che ogni estate organizza l’ormai celebre rassegna “Sotto le stelle del cinema“, starebbe seriamente prendendo in considerazione l’ipotesi che l’evento, quest’anno, possa seguire la formula del drive-in. A parlarne è stato proprio il presidente della Cineteca, Gianluca Farinelli, che ha specificato come i drive-in siano la soluzione “migliore” per garantire il distanziamento sociale.
Anche nella regione Lazio gli esercenti stanno seriamente ragionando circa la possibilità di ri-istituire diversi drive-in e molte sono le opzioni che sta ponendo sul tavolo l’ANEC (Associazione Nazionale Esercenti Cinema) per cercare di riaprire il prima possibile le attività legate alla distribuzione su grande schermo dei film.

Di certo la riapertura dei drive-in non sarebbe la soluzione alla crisi che va prospettandosi, ma potrebbe essere sicuramente una pezza ed una ventata di aria fresca per il mercato, specie se si considera che potrebbero essere moltissime le persone a voler “recarsi” al cinema per vedere un film in macchina e che la soluzione dei drive-in è quella che meglio di tutte riesce a garantire il distanziamento sociale.

Voi cosa ne pensate di quest’idea? Fatecelo sapere nei commenti!

Questa ed altre notizie su Ciakclub.it

Grande appassionato di cinema orientale, apprezzo film di ogni tipo e di ogni genere, dai cult ai “mattoni” filippini. Non bisogna mai porre limiti alla propria curiosità e lasciare che i pregiudizi ci influenzino.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here