Filippo Giardina: 3 motivi per non perdersi Formiche, il suo nuovo show

Il prossimo 10 marzo Filippo Giardina sarà al Brancaccio di Roma per presentare Formiche, il suo nuovo monologo. Ecco 3 motivi per non perdervelo.

0
747

Il prossimo 10 marzo è una di quelle date da appuntarsi sul calendario perché al prestigioso teatro Brancaccio di Roma si esibirà, con il suo nuovo monologo, Filippo Giardina. L’evento è prodotto da The Comedy Club, una nuova realtà nazionale nel mondo della Stand Up Comedy e della comunicazione. Il pubblico sarà riscaldato dall’apertura di due talentuosi comici esordienti: Sandro Canori e Andrea Di Castro.

Qua il link diretto ai biglietti.

Filippo Giardina è uno dei mostri sacri della Stand Up Comedy italiana, si esibisce fin dal 2001, ha fondato Satiriasi nel 2009, ha partecipato a diversi programmi tv ed ha girato i teatri di tutta Italia. Oggi vi diamo tre motivi per non perdervi assolutamente lo spettacolo del 10 marzo.

 

1. Lo Ha Già Detto Gesù

Filippo Giardina

Lo Ha Già Detto Gesù è l’ultimo spettacolo che ha portato sui palchi di tutta Italia Filippo Giardina ed è semplicemente incredibile. Un monologo a base di politically uncorrect che va a colpire tutti i luoghi comuni sui principali topic recenti, senza alcun tipo di tabù. Quello che colpisce di più di questi 90 minuti sono la freschezza e la sincerità con il quale Filippo si esprime con un succedersi di parabole amare, sardoniche, di compiaciuta ma non disumana cattiveria. Lo spettacolo lo trovate nella sua versione integrale qua. Vederlo non potrà che fare aumentare la vostra curiosità verso il nuovo monologo.

 

2. Ridere amaramente ma comunque ridere

Filippo Giardina

Filippo Giardina è sboccato, scorretto, a volte crudele. Eppure durante ogni suo monologo non si può fare a meno di ridere. Allo stesso modo si viene pervasi da un profondo senso di amarezza. Sì perché Filippo parla di lui e nel farlo ci coinvolge andando a descrivere con oscura lucidità tutto quello che siamo noi, come individui e come società. Lo fa sin dai tempi di Sesto Potere (recuperabile con uno spezzone di 8 minuti da Comedy Central qua) dove si concentrava sull’uso che facciamo dei Social Network ed ha continuato a farlo sino ad oggi. Ad ogni show Filippo Giardina ci illustra chi siamo e noi ce lo facciamo dire, ridendoci su, perché sappiamo che lui è esattamente come noi ma disposto a far carnaio di se stesso pur di aprirci gli occhi.

3. Una spinta importante per la Stand-up Comedy in Italia

Filippo Giardina

Da qualche anno ormai la Stand-up Comedy estera (principalmente britannica e statunitense) ha fatto breccia, tramite You Tube e più recentemente Netflix, nel nostro paese. Oggi trovare qualcuno che non abbia mai visto nulla dei vari Louis C.K. e Ricky Gervais è veramente difficile. Allo stesso tempo però la maggior parte delle persone non sa pressoché nulla del panorama italiano, appoggiandosi ad una esterofilia tipica del nostro paese si continua a credere che i comici italiani siano quelli dei vari Colorado e Zelig. Il punto è che le cose, molto semplicemente, non stanno così. I nostri non hanno nulla da invidiare ai colleghi stranieri ed anzi ci possono dire molto di più su di noi di quanto non possa fare un americano o un inglese. Conoscere personaggi come Filippo Giardina, Edoardo Ferrario o Montanini è un ottimo modo per appoggiare un movimento in forte crescita nel nostro paese. Il perfetto primo passo può essere quello di andare allo spettacolo del prossimo martedì 10 al teatro Brancaccio di Roma.

Continuate a seguirci su ciakclub

 

 

Semplicemente appassionato ed affamato di tutto ciò che riguarda la cultura e l’arte popolare (nel senso letterale del termine): fumetti, libri, fotografia, tv e, ovviamente, cinema, che ne è il massimo esponente e la massima espressione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here