Cinque italiani soccorsi mentre cercavano il bus di Into the Wild

Il gruppo di italiani è stato soccorso in Alaska, rischiavano l'assideramento dopo essersi persi mentre cercavano di raggiungere il bus di Into the Wild.

0
397
Into the Wild

È stata la CNN a diffondere la notizia del gruppo di italiani che sono stati soccorsi in Alaska mentre cercavano il famoso autobus di Into the Wild. 

Il libro, scritto da Jon Krakauer, e il film, diretto da Sean Penn, hanno fatto conoscere a livello globale la storia di Christopher McCandless.

Christopher è un giovane, che dopo essersi laureato decide di abbandonare la famiglia benestante e tutte le comodità della civilizzazione per intraprendere un viaggio. La sua meta è l’Alaska. Una volta raggiunta la sua destinazione, vive nel vecchio autobus abbandonato e si ciba di bacche selvatiche.

La sua storia, e la sua ricerca di felicità tramite il ritorno allo “stato di natura”, ha toccato moltissime persone. A tal punto che, gli spiriti più coraggiosi e avventurieri, hanno deciso di seguire le sue tracce lungo lo Stampede Trail.

Into the Wild

Il sentiero, però, è pericoloso e accidentato e le condizioni climatiche sono tutt’altro che favorevoli. Di conseguenza, sono frequenti incidenti e morti lungo la camminata che porta al bus di Into the Wild.

 Le vittime più recenti, sono cinque italiani, che hanno dovuto chiamare dei soccorsi con un telefono satellitare perché uno di loro rischiava l’assideramento. Solo lui è stato portato in ospedale per le sue condizioni critiche, ma, per fortuna, sono tutti fuori pericolo.

L’anno scorso, una ventiquattrenne bielorussa non è riuscita ad essere soccorsa ed è morta durante la ricerca. Nel 2010, invece, uno svizzero è annegato cercando di attraversare il famoso fiume che McCandless stesso non era riuscito a guadare.

Considerando che il sentiero di Into the Wild attira molti turisti avventurosi, per diminuire gli incidenti, le autorità stanno pensando di trasferire il bus in una zona più sicura. Sembra un buon compromesso per salvare delle vite e per permettere, anche a chi non ha doti nell’escursionismo, di dedicarsi a questo viaggio quasi spirituale.

Questa e altre notizie nella sezione news di CiakClub.

Ricerco nell’arte l’espressione tangibile dei miei pensieri e la confutazione degli stessi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here