Lo Studio Ghibli è sbarcato su Netflix, un’analisi dei primi film usciti

Finalmente da oggi, 1 Febbraio, potrete gustarvi su Netflix i primi 7 film dello Studio Ghibli. Scopriamo insieme quali sono e quali non potete assolutamente perdervi.

0
6928
studio-ghibli-netflix

il gran giorno è finalmente arrivato! Da oggi, 1 Febbraio, saranno disponibili su Netflix i primi 7 film dello Studio Ghibli. In totale saranno 21 e verranno rilasciati nei prossimi due mesi. Una grande notizia per tutti gli appassionati di animazione e non solo.

Ora vederemo insieme quali sono questi 7 film, cosa aspettarci e, per tutti coloro che si avvicinano per la prima volta al fantastico mondo dello Studio Ghibli, anche da quale partire. Scopriremo che in mezzo a qualche grande classico dello studio, ci saranno delle pellicole poco conosciute o sottovalutate ma che vale la pena recuperare.

Pronti? Partiamo!

Laputa, il Castello nel Cielo (1986) – Hayao Miyazaki

sheeta-pazu-il-castello-nel-cielo
Sheeta e Pazu – Il Castello nel Cielo

Ufficialmente il primo film dello Studio Ghibli, Il Castello nel Cielo è una splendida avventura in cui Miyazaki mette in scena tutto il suo anti-militarismo  e la sua sensibilità sul tema ecologico, mai come oggi attuale. L’isola fluttuante di Laputa rappresenta l’oggetto del desiderio dell’uomo e dei suoi sentimenti più reconditi, avidità e ossessione verso il potere su tutti. Nella concezione Miyazakiana, questi sentimenti ci porteranno alla rovina. Pazu e Sheeta (la coppia di protagonisti del film) ci ricordano, invece, come il rispetto verso culture differenti e verso l’ambiente che ci circonda, possano effettivamente salvarci.

Questi temi all’apparenza pesanti, vengono raccontati con naturalezza e semplicità. Il Castello nel Cielo è film d’animazione godibilissimo e a tratti dal ritmo frenetico. Non è raro infatti imbattersi in scene d’azione, imprevisti, inseguimenti ai quali i nostri protagonisti devono imbattersi. Questo stile “avventuriero” può addirittura ricordare la saga Spielberghiana di “Indiana Jones”.

Per i neofiti, Il Castello nel Cielo rappresenta senza dubbio un buon punto di partenza per immergersi nel mondo dello Studio Ghibli, poichè contiene tutti gli stilemi e le tematiche care al regista, Hayao Miyazaki.

Il mio Vicino Totoro (1988) – Hayao Miyazaki

il-mio-vicino-totoro-fermata-autobus
Mei e Satsuki aspettano il bus con un nuovo amico – Il Mio Vicino Totoro

Quando pensiamo allo Studio Ghibli probabilmente pensiamo subito a Totoro, questa adorabile creatura che tutti noi vorremmo abbracciare ma che, ahimè, è un lusso concesso solamente alle due sorelline protagoniste di questa pellicola, Mei e Satsuki.

Il Mio Vicino Totoro tratta dei temi legati all’infanzia e al ricordo in modo poetico e nostalgico. Le meraviglie offerte della natura diventano il compagno di gioco preferito delle due piccole protagoniste. Una natura che per Miyazaki non è mai ostile, ma anzi può portare a delle piacevolissime sorprese, tra cui l’incontro con Totoro, appunto.

Un film tenero, leggero, solare che ci spinge a fare un tuffo nel passato verso l’età in cui eravamo più spensierati.

Kiki, Consegne a Domicilio (1989) – Hayao Miyazaki

kiki-consegne-a-domicilio
Kiki Consegne a Domicilio

Una delle pellicole più sottovalutate dello Studio Ghibli. Un racconto di formazione che segna il passaggio dal “nido familiare” verso l’indipendenza, dal noto verso l’ignoto. A dover compiere questo importante passo è Kiki, un’amabile apprendista streghetta che deve insediarsi in una nuova città per completare la propria formazione.

Dubbi, incertezze, stupore, felicità, paura. Tutti questi sentimenti si condensano a fasi alterne nella testa di Kiki. Un po’ come è stato per tutti noi quando siamo venuti a contatto con le prime amicizie, i primi amori e i primi aspetti legati al mondo del lavoro.

Ciò che stupisce, oltre al modo in cui Miyazaki riesce a farci immedesimare in un una bambina di 13 anni, è la bellezza delle animazioni e dei paesaggi. Una vera gioia per gli occhi considerando che questo film ha più di 30 anni. D’altronde, la “bellezza” che scaturisce dalla mente e dalle mani di un grande artista non passerà mai di moda.

Pioggia di Ricordi (1991) – Isao Takahata

pioggia-di-ricordi
Pioggia di Ricordi

Qui Hayao Miyazaki passa il testimone al compianto maestro Isao Takahata. Pioggia di Ricordi non ha mai goduto di molta fama, ma di questa prima tranche “Ghibliana” proposta da Netflix è sicuramente uno dei film migliori.

Si tratta di un tuffo nel passato intrapreso da Taeko, un’impiegata ventisettenne intrappolata dagli stili moderni tipici della vita cittadina Giapponese. Un viaggio in campagna porterà la protagonista a rievocare i propri momenti d’infanzia ritrovando se stessa.

E’ un film molto commovente. I Flashback rivissuti da Taeko sono di una delicatezza estrema e di un realismo impressionante. Takahata con questo film non si limita semplicemente a mostrare un piacevole ritorno al passato, ma si propone di scavare dentro noi stessi e di offrire una contrapposizione lucida tra diverse fasi della nostra crescita e tra la vita cittadina e di campagna.

Una vera chicca che forse non tutti conoscono e che può regalare una pioggia di emozioni.

Porco Rosso (1992) – Hayao Miyazaki

porco-rosso-fio
Fio e Marco – Porco Rosso

Uno dei must-watch di questa prima ondata Ghibli su Netflix. Porco Rosso a dispetto dalle apparenze è il film più romantico di Miyazaki nonché un vero e proprio inno alla libertà. Porco Rosso altri non è che Marco Pagot, un abile pilota italiano di idrovolanti che ha assunto le sembianze di un maiale, forse per prendere le distanze e alienarsi da quel tipo di umanità che Miyazaki rigetta e che trova la sua massima espressione nel regime fascista in cui è ambientata la pellicola.

La connotazione maiale-uomo non viene mostrata in maniera negativa da Miyazaki, ma anzi conferiscono al personaggio uno stile unico e iconico, rendendolo forse il personaggio più celebre, insieme a Totoro, di tutto lo Studio. Un personaggio disilluso, distaccato ma che riacquista speranza grazie alle due splendide figure femminile presenti nella pellicola, Fio e Gina.

(Fio a guardar te mi vien da pensare che l’umanità non sia così da buttare).

Porco Rosso è senza dubbio uno dei film più belli dello Studio Ghibli che può essere apprezzato da molteplici fasce di pubblico.

Si Sente il Mare (1993) – Tomomi Mochizuki

Si-sente-il-mare
Taku e Rikako – Si Sente il Mare

Siamo al cospetto del film meno conosciuto tra questi primi 7 che usciranno oggi su Netflix.

Diretto da Tomomi Mochizuki, Si Sente il Mare è un film dalla narrazione elegante e delicata che racconta le vicissitudini liceali  del giovane Taku e della misteriosa Rikako.

Come in altre pellicole precedentemente analizzate, anche qui è presente il tema del ricordo e della nostalgia è fortemente presente. Si Sente il Mare è un film che lascia sensazioni positive e che può vantare delle splendide animazioni, così come la colonna sonora.

Probabilmente non raggiunge lo stesso grado di profondità di altri lavori dello studio, ma risulta comunque un film godibilissimo e leggero.

I Racconti di Terramare (2006) – Goro Miyazaki

i-racconti-di-terramare
Arren e Terru – I racconti di Terramare

Primo lungometraggio di Goro Miyazaki, figlio del già citato e più celebre Hayao Miyazaki.

E’ uno dei film più criticati dello Studio Ghibli e che, anche a mio parere, non raggiunge il livello dei precedenti film di cui sopra. Tuttavia può risultare godibile, soprattutto a chi è avvezzo al genere fantasy. Il punto di forza della pellicola sono i paesaggi e i fondali, assolutamente splendidi. Per contro, il film è forse eccessivamente lento e fatica un po’ ad arrivare in fondo. Lo stile personale di Goro Miyazaki, che già qui si intravede e che troverà la sua espressione ne “La Collina dei Papaveri”, fatica a fuoriuscire.

Si tratta comunque di un film che, per quanto mi riguarda, raggiunge la sufficienza e che regala qualche sequenza degna di nota. Per i neofiti non partirei però da qui per iniziare il vostro viaggio verso questo fantastico studio di animazione.

studio-ghibli-logo

Bene! questi erano i primi 7 film dello Studio Ghibli disponibili da oggi su Netflix. Rimanendo in tema, qui trovate la nostra top 10 dello Studio, mentre qui un approfondimento sul personaggio femminile nel cinema di Hayao Miyazaki.

Voi da quale film partirete?

Noi ci rivediamo tra un mese per parlare di altri 7 fantastici film di questo magico Studio di animazione. 

Cresciuto con Final Fantasy e la coppia Del Piero – Trezeguet.
Amante del cinema d’animazione. Ha un debole per Hayao Miyazaki.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here