Greta Gerwig: “Meryl Streep ha ispirato una scena di Piccole Donne”

La regista di Piccole donne, Greta Gerwig, racconta come una scena del film (nelle sale dal 9 Gennaio) sia stata ispirata da una conversazione avvenuta realmente con Meryl Streep,

0
181

Piccole Donne di Greta Gerwig è uno dei film più apprezzati del momento, come dimostra la serie di vittorie e nomination che ha ottenuto. Il film, tratto dal celebre romanzo omonimo di Louise May Alcott del 1868, racconta la vita delle quattro sorelle Merch (Meg, Jo, Beth e Amy) che, dopo la partenza del padre per la Guerra di Secessione Americana, imparano a vivere da sole, aiutandosi a vicenda.

L’adattamento cinematografico realizzato da Greta Gerwig (leggi qui la nostra recensione) è piuttosto fedele al romanzo, seppur fornendone una chiave di lettura più moderna e aggiornata. Le tematiche femministe, presenti già nel romanzo come elementi rivoluzionari, sono ripresi e sviluppati dalla regista. Ma a quanto pare, un aiuto è arrivato anche da Meryl Streep.

L’attrice, che in Piccole Donne interpreta la Zia March, avrebbe infatti fornito l’ispirazione a Greta Gerwing per una delle scene inserite nel film. La regista racconta di aver infatti aggiunto una scena, che nel romanzo non era presente, a seguito di una interessante conversazione con Meryl Streep: “C’è questo discorso che Florence Pugh nei panni di Amy fa a Timothée Chalamet, che interpreta Laurie, in cui lei cerca di spiegargli la sua situazione in quanto donna, come esattamente il matrimonio le avrebbe condizionato la vita (in un modo o nell’altro) e ciò che poteva o meno fare come donna. E questo è derivato direttamente da una conversazione che ebbi con Meryl“.

Greta Gerwig

Racconta poi: “Meryl mi disse che ‘ciò che devi far capire al pubblico non è solo che le donne non avessero diritto al voto (e non lo avevano). Non è solo che non potessero avere un lavoro (e non potevano). È che loro non possedevano nulla. Non potevi avere nulla di tuo se eri sposata, perché ogni tua singola proprietà era in realtà di tuo marito, inclusi i bambini. Perciò potevi andartene e lasciarti alle spalle un pessimo matrimonio, ma non ti saresti portata nulla con te, nemmeno i tuoi bambini’. Questa era la posta in gioco nel decidere con chi ti saresti sposata all’epoca, perché sarebbe andata così se non avessi avuto alcuna opzione. E io ho essenzialmente ripreso quasi alla lettera le sue parole e le ho date a Florence“. Infine conclude: “Non è certo Meryl Streep senza motivo!

Questa ed altre notizie nella sezione News di CiakClub.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here