Martin Scorsese: “The Irishman potrebbe essere l’ultimo film, non c’è più posto per me”

In un'intervista Martin Scorsese ha dichiarato che The Irishman potrebbe essere il suo ultimo film, a causa di una difficoltà di fare e distribuire questo tipo di cinema.

0
8591

Di sicuro Martin Scorsese ne esce molto provato da questo ultimo anno di produzione, distribuzione e scontri cinefili. Dopo le dichiarazioni fatte sui cinecomics, ecco che il grande cineasta si è dilungato su ulteriori considerazioni.

In una lunghissima intervista con il The Guardian, in occasione dell’elezione di The Irishman a miglior film dell’anno (qui la nostra recensione), è tornato a parlare dell’industria cinematografica odierna. Ha fatto dichiarazioni riguardo il suo stato attuale e il suo personale ruolo all’interno di un contesto in cui non si riconosce più. Secondo Martin Scorsese, infatti, film come The Aviator o The Departed non sarebbero più possibili.

Queste le sue dichiarazioni riguardo i supereroi e quello che sembra essere il mono-genere offerto dal cinema contemporaneo: “Ovviamente abbiamo discusso a lungo di questa situazione che vede i cinema soggiogati dai supereroi, hai presente no? Questi film con la gente che vola, si prende a botte e distrugge cose, che vanno benissimo se ti va di vederli. La questione è che non si trova più spazio per altri generi di film.”

Corregge un po’ il tiro Martin Scorsese, ribadendo che non ce l’ha con un’idea del film di puro intrattenimento, piuttosto con l’idea stessa di “prodotto”. Così si è espresso a riguardo: “E non è neanche detto che un film commerciale non possa essere arte. Quello che ha rovinato il cinema è il prodotto. Il concetto di prodotto cinematografico usa e getta. Prendi un film commerciale come Cantando Sotto La Pioggia. Lo puoi guardare e riguardare. Ergo la domanda diventa: come possiamo proteggere l’arte?

The Irishman

“Non so quanti altri film potrei fare, forse questo potrebbe essere l’ultimo.” Arriva a questa conclusione il regista che appare sempre più disperato e sconsolato da come stanno andando le cose. Dichiara, inoltre, di aver capito la deriva del cinema odierno proprio durante la lavorazione del suo ultimo film con Netflix.

Quelle di Martin Scorsese sembrano dichiarazioni forse frutto di una constatazione di impotenza e incomprensione. A maggior ragione in relazione a The Irishman che ha visto separarsi nettamente il gusto della critica e del pubblico di massa. Rimaniamo in attesa di sapere se Killers of the Flower Moon si farà o meno. Al momento, però, sembra tutto pronto.

Per news e altri approfondimenti dal mondo del cinema e delle serie tv, continuate a seguirci su CiakClub.it!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here