I Migliori Film del Decennio: Top 10 Animazione 2010-2019

Siamo arrivati agli sgoccioli di questo decennio. Abbiamo quindi deciso di fare le classifiche dei migliori film usciti, per genere, tra il 2010 ed il 2019.

0
10348
migliori film d'animazione

Gli ultimi dieci anni sono stati ricchi di cambiamenti o, meglio, di vere e proprie rivoluzioni: a partire da quella social, a cui noi di ciakclub non possiamo che essere eternamente grati (grazie Dio Zuckerberg) fino ad arrivare, in ambito cinematografico, a quella delle piattaforme streaming (ve ne abbiamo parlato qua). Allo stesso modo ci sono stati tanti film, tante ore passate davanti ad uno schermo, tante scene che hanno segnato, magari poco magari molto, la nostra vita. Abbiamo pianto davanti a centinaia di storie d’amore finite male, abbiamo sofferto ogni volta che terminavamo una serie tv, abbiamo riso dopo l’ennesima battuta demenziale, ci siamo gasati durante un interminabile inseguimento, abbiamo avuto paura mentre l’assassino sbucava alle spalle della vittima in secondo piano. Siamo cresciuti, siamo invecchiati e siamo cambiati, tutto mentre guardavamo film con passione ed amore per questo mondo fantastico chiamato Cinema. Per questo motivo per celebrare la fine del decennio 2010-2019 abbiamo intenzione di inondarvi di classifiche, un viaggio a ritroso nel tempo scandito dai titoli che hanno segnato questa parte della nostra vita. Faremo quindi uscire nell’arco di queste settimane una serie di articoli dove vi parleremo dei migliori film, divisi per genere, di questa decade scelti dalla nostra redazione.

Oggi partiamo con i migliori film d’Animazione 2010-2019.

Buona lettura

Sigla

I Migliori Film d’Animazione 2010-2019

Migliori Film

L’animazione è un genere un po’ particolare a livello di percezione del pubblico. Ovviamente ha la sua parte di appassionati, di veri cultori della materia. D’altra parte esiste una branca di pubblico che, quando non li snobba completamente, li reputa perlomeno un gradino sotto ai film in live action. L’animazione è un mondo meraviglioso, fatto di autori fondamentali all’interno del mondo del cinema il cui solo nome basta per rievocare grandezza. Un genere in cui esistono tecniche diversissime tutte utilizzate, allo stesso tempo, per creare mondi nuovi o dipingere con grande dedizione la realtà.

Nella nostra redazione arrivare ad una lista definitiva di 10 titoli che racchiudevano il meglio di questa decade non è stato per nulla semplice. Rimangono infatti fuori titoli meravigliosi come il Tin Tin di Spielberg (AKA il vero nuovo capitolo di Indiana Jones) o La Tartaruga Rossa di Michaël Dudok de Wit ma compiere delle scelte comporta sempre qualche rinuncia.

Fatta questa breve premessa e invitandovi a dirci la vostra nei commenti partiamo con la nostra classifica.

 

10. Wolf Children di Mamoru Hosoda

Migliori Film

Partiamo dal fatto che Mamoru Hosoda è uno dei migliori autori di film d’animazione degli ultimi vent’anni. Nel decennio scorso ci aveva già regalato due opere come La Ragazza che saltava nel Tempo e Summer Wars. In quest’ultimo ci ha deliziato con tre film meravigliosi: The Boy and the Beast, Mirai e (come potete vedere) Wolf Children.

Della trama preferiamo non dirvi niente in questo caso. L’opera di Hosoda va vista e, soprattutto vissuta, sgombri da ogni eventuale informazione. Inizialmente Wolf Children vi richiamerà alla mente i film di Miyazaki ma col proseguo vi renderete conto di trovarvi davanti a qualcosa di molto differente. Hosoda ha una sua forte impronta autoriale, ogni elemento ha una propria energia pur essendo caratterizzato da una grande semplicità. Un’opera che vi commuoverà in più punti parlando di diversità, di crescita, di desideri. Un vero manifesto contro l’egoismo che non poteva non essere nella nostra classifica dei migliori film d’animazione del decennio.

 

9. Your Name di Makoto Shinkai

Migliori Film d'animazione

Rimaniamo in Giappone con la posizione numero nove e troviamo così Your Name di Makoto Shinkai. Il film è stato un vero caso mediatico tra il 2016 ed il 2017, è diventato il quarto film più visto nella storia del Giappone ed è l’anime con il più alto incasso estero di sempre, sicuramente gli appassionati presenti tra i nostri lettori lo conosceranno bene.

Anche qua della storia non diremo molto visto il grande rischio di spoiler. Limitiamoci a spiegarvi l’incipit: Taki (ragazzo di Tokyo) e Mitshua (ragazza di un paesino giapponese) non si conoscono, d’un tratto però inizieranno a risvegliarsi l’uno nel corpo dell’altra. Da questo presupposto cercheranno di incontrarsi nel corso del film. A questo sunto vanno aggiunti la presenza di una cometa che passa una volta ogni trilione di anni e altri misteri e leggende popolari. Anche qua l’emozione non mancherà e vi ritroverete in una vicenda molto più sorprendente di quello che credete, accompagnati dalla regia brillante e pop di Shinkai e da una colonna sonora che ascolto periodicamente ancora oggi. Lacrime assicurate e instant cult.

 

8. (Ex Aequo)  Zootropolis di Byron Howard e Rich Moore e Loving Vincent di Dorota Kobiela e Hugh Welchman

Migliori Film d'Animazione

In ottava posizione troviamo due film totalmente differenti tra l’oro.

Da una parte abbiamo Zootropolis, un’opera di un’intelligenza rara dove all’interno di un vero e proprio buddy movie a tinte noir si può notare una lunga riflessione su uno dei temi più caldi di quest’ultimo decennio (che poi è uno dei più caldi dell’intera storia umana) ovvero l’utilizzo della paura per esercitare potere. Zootropolis (il titolo originale Zootopia richiama il suono utopia, la stessa che sta alla base di questa società animale) è un film di genere con una messa in scena veramente ispirata, ritmatissima e ricca di un citazionismo mai invadente, all’epoca fu una vera sorpresa su tutti i fronti.

Dall’altra abbiamo invece l’autoriale Loving Vincent, realizzato con la tecnica del rotoscopio, un film che sembra uscire direttamente dalla tavolozza di Van Gogh. Durante la visione seguiremo Joseph, amico di Vincent, che cercherà di recapitare la lettera di quest’ultimo al fratello del defunto, tramutando la vicenda in una vera e propria indagine sulla morte del pittore.

Su questo secondo titoli vi rimandiamo alla nostra recensione molto approfondita.

 

7. L’isola dei Cani di Wes Anderson

migliori film d'animazione

Nella nostra classifica dei migliori film d’animazione del decennio non poteva mancare L’Isola dei Cani, l’ultimo lavoro di Wes Anderson. Accompagnati dalla magnifica colonna sonora di Alexander Desplat ci troveremo a seguire Atari Kobayashi mentre cercherà di recuperare il suo cane dopo che, a causa di un’influenza canina, tutti i cari amici a quattro zampe sono stati mandati in esilio in una discarica. Una volta raggiunto il suo caro amico insieme ad altri cani cercherà di fuggire da questa sottospecie di prigione.

Maestro nel riempimento dell’inquadratura e nell’utilizzo della simmetria, Wes Anderson usa nuovamente (dopo Fantastic Mr. Fox) la tecnica dello stop motion per portarci in questo viaggio all’interno della cultura nipponica, a partire dagli anni ’60 fino ad arrivare alla cultura pop contemporanea, senza dimenticarsi ovviamente di maestri come Ozu e Kurosawa.

Anche qua se volete approfondire vi lasciamo la nostra recensione completa.

 

6. Toy Story 3 – La Grande Fuga di Lee Unkrich

Migliori film d'animazione

Toy Story 3 arriva ad undici anni dal primo sequel della saga che ha dato il successo alla Pixar. Andy è ormai grande e pronto ad andare al college, Woody e gli altri si preparano all’abbandono del loro storico amico ed incapperanno in un’ultima grande avventura (questo almeno fino a Toy Story 4).

La Grande Fuga appare agli occhi come un vero e proprio kolossal dei film d’animazione. Un titolo che dà spazio a molte letture, che si può vedere come un film d’avventura, come una storia d’amore, come un’opera sull’amicizia ma che ha alla base un sentimento dominante: la malinconia. Il film di Unkrich sa bene quali sono i temi fondanti della saga ma ci si allontana cercando (e riuscendo) ad instaurare un tono molto più maturo nell’opera che non dimentica di mostrare il peso del tempo, un affresco sulla vecchiaia e sulla morte. Allo stesso tempo non priva però la visione di ritmo e soluzioni visive sempre fresche e brillanti, introduce personaggi nuovi che portano il timbro “Genius by Pixar” sull’etichetta e che non dimentica mai l’importanza di sognare e di sentirsi vivi. Un titolo che non poteva mancare tra i migliori film d’animazione di questo decennio.

Qua trovate un bell’approfondimento su tutta la saga dei giocattoli.

 

5. La Storia della Principessa Splendente di Isao Takahata

Migliori film d'animazione

La Storia della Principessa Splendente è l’ultimo film realizzato dal maestro Takahata, ha avuto una storia produttiva molto complessa (circa 8 anni di produzione ma il regista voleva realizzarlo da quasi tutta la vita) ed è stato un mezzo flop a livello commerciale. Abbiamo un anziano tagliatore che trova questa piccola creatura arrivata dalla luna e custodita all’interno di un flessuoso bambù. L’uomo (che cela diversi misteri) la crescerà come fosse sua figlia assieme alla moglie. Ormai divenuta donna, Kaguya, si trasferirà in città col sogno di diventare una vera e propria principessa, grazie alla sua natura lunare diverrà l’oggetto del desiderio di molti uomini ed entrerà in contatto con l’Imperatore stesso.

Takahata (Una Tomba per le Lucciole, Pom Poko) traspone una fiaba tipica del folklore giapponese attraverso una messa in scena meravigliosa che si appoggia all’effetto acquerello, creando un effetto visivo quasi primitivo perfetto nel dare atemporalità alla vicenda ed al personaggio di Kaguya. Un’opera che per sua natura nasce e diventa immortale, esattamente come il suo autore e come la fiaba da cui è tratta.

 

4. Spider-Man – Un Nuovo Universo di Bob Persichetti, Peter Ramsey e Rodney Rothman

Migliori film d'animazione del decennio

Veniamo ora al più recente titolo presente in questa classifica dei migliori film d’animazione del decennio. Non solo il più giovane però, è anche il più innovativo. Ah e probabilmente è anche il miglior cinecomic mai realizzato. Introduce il multiverso con la presenza di tanti Spider-Man (Spider-Gwen, Spider-Man Noir, Spider-Ham ecc.), si concentra non sulla figura di Peter Parker ma su quella di Miles Morales (Ultimate Spider-Man) e crea una storia che sulla carta potrebbe apparire complessa ma che grazie ad uno script cristallino fila che è una meraviglia.

Miscela tutto il meglio del linguaggio visivo contemporaneo. Prende quello cinematografico tradizionale, ci mette la CG, pesca dal fumetto e dall’animazione classica, aggiunge un pizzico di videogiochi e mette tutto insieme. In più spolvera tutto con tanta cultura pop ed hip-hop (compresa l’ispiratissima colonna sonora). Alla fine abbiamo un prodotto unico che diventerà probabilmente (se non lo è già) un nuovo punto di snodo per il genere ed un precedente con cui si dovrà per forza fare paragoni in futuro. Se non l’avete visto è proprio venuto il momento di farlo.

 

3. Si Alza il Vento di Hayao Miyazaki

Migliori Film d'animazione

Si può davvero fare una classifica sui migliori film d’animazione del decennio senza citare Hayao Miyazaki?

No, non si può ovviamente. Per questo motivo apriamo il nostro podio con quello che fino ad ora è l’ultimo film uscito del maestro giapponese. Quello che abbiamo davanti è un Miyazaki molto meno gioioso e creativo e più vicino al realismo, ben felice di abbracciare la tradizione e lo spirito nipponico. Non abbandona i sogni ed i sognatori, sia chiaro. Così come non perde nulla della bellezza visiva dal tratto morbido che ha contraddistinto tutti i suoi capolavori. Allo stesso tempo nel raccontarci la storia di Jiro (forse il miglior personaggio maschile da lui creato) ci porta dentro un racconto che ha echi molto personali, pervaso da un senso di tristezza e di commozione che scivola dolcemente nel melò sul finale. Una vera meraviglia di un uomo per cui la parola genio sembra quasi riduttiva.

Qua vi lascio uno splendido approfondimento su tutti i personaggi femminili creati da Miyazaki.

 

2. Coco di Lee Unkrich e Adrian Molina

Miglior Film D'animazione

Miguel è un giovane, nato in una famiglia umile di calzolai. Subito il film ci mostra l’importanza delle tradizioni per la cultura latina. Per i parenti di Miguel l’unica vera regola è “Niente musica”, impresa ardua in quel paese che sembra dominato da musica e danze. Inutile dire che, in gran segreto, Miguel è un chitarrista dotato di grande talento che si esercita in una soffitta fatiscente, ammirando il suo grande idolo Ernesto De la Cruz, eroe di ogni abitante della città.

Con Coco la Pixar ci porta in un’avventura all’interno della memoria delle nostre radici, sull’importanza di non perderle mai di vista in un’opera intrisa di paura. Una paura specifica però, ovvero quella di essere dimenticati, timore che ci pervade quotidianamente all’interno di una società frenetica dove cerchiamo, tramite il cellulare ad esempio, di cristallizzare il tempo e le memorie. Un viaggio vero e proprio sul comprendere cosa significhi avere coscienza della propria natura, del proprio passato, della propria memoria. Un film che ti guarda e ti dice senza mezzi termini: Ricordati di Ricordare.

Ora che il tempo sa volare ed il nostro mare
Sta cancellando anche ogni piccolo particolare
Ora non sai nemmeno più cosa vuol dire amare
Ricordati di ricordare

Ricordati di Ricordare, Claver Gold

Qua una recensione completa del secondo classificato nella nostra classifica dei migliori film d’animazione del decennio.

 

1. Inside Out di Peter Docter e Ronnie del Carmen

Migliori Film d'Animazione del decennio

Con Inside Out arriviamo alla prima posizione di questa classifica dei migliori film d’animazione di questo decennio. L’opera prosegue il percorso già iniziato dai film più maturi della Pixar come Wall-E, Up e Toy Story 3 (che continuerà appunto con Coco) parlandoci della necessità di essere tristi e di andare avanti all’interno del processo di crescita che colpisce, prima o dopo, ognuno di noi.

Una volta catapultati dentro Inside Out ci si rende immediatamente conto di quanto complessa, variegata e fantasiosa sia la (ri)costruzione della mente umana compiuta dal team di lavoro. Ma non si limita a questo. Ci parla profondamente delle emozioni, quegli stati dell’anima e della mente che ci accompagnano dal nostro primo pianto fino all’ultimo respiro, facendo una vera e propria apologia della tristezza e spiegando l’importanza di dimenticare. Un sentimento alla base del processo di maturazione di ognuno di noi. Nell’impossibilità di essere felici, all’interno dei momenti di difficoltà, non rimane che appoggiarsi alla propria malinconia per poter elaborare i momenti traumatici. In definitiva: per poter crescere.

Qua la recensione completa di Inside Out

E secondo voi quali sono i migliori film d’animazione del decennio? Ditecelo nei commenti.

Qua la classifica dei migliori film d’azione del decennio

 

 

 

Semplicemente appassionato ed affamato di tutto ciò che riguarda la cultura e l’arte popolare (nel senso letterale del termine): fumetti, libri, fotografia, tv e, ovviamente, cinema, che ne è il massimo esponente e la massima espressione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here