Daniel Radcliffe con le pistole al posto delle mani: la nostra recensione dal Torino Film Festival di Guns Akimbo di Jason Lei Howden

Action comedy sempre sopra le righe, Guns Akimbo intrattiene alla grande con le sue continue esagerazioni. E si vede quanto Daniel Radcliffe si diverta a scegliere i film e i personaggi meno convenzionali, anche per far dimenticare il suo passato attoriale.

0
230

Come si può non amare Daniel Radcliffe? Harry Potter lo aveva reso l’attore più celebre e amato della sua generazione, e quando la saga si concluse nel 2010 avrebbe potuto fare qualunque cosa desiderasse. E in effetti così è stato: Radcliffe dopo Harry Potter ha preso parte solo ai film che voleva, quelli che davvero gli piacevano, disinteressandosi a qualunque logica commerciale. Anzi, sembra si sia impegnato a scegliere solo ruoli potenzialmente career ending.

In Victor si è divertito a imbruttirsi e deformarsi. Nel bellissimo e sottovalutato Swiss Army Man interpreta un cadavere cui succede di tutto e nulla di dignitoso (sì, il suo personaggio è morto dall’inizio alla fine del film). Ora Guns Akimbo, dal regista di Deathgasm.

Miles è un nerd asmatico, sfigato, pacifista e pure vegetariano, maltrattato dal capo, dai colleghi, da tutti. Nel suo tempo libero si sfoga provocando e segnalando i troll su internet. Finché non si ritrova coinvolto suo malgrado in Skizm, uno sport illegale dove due contendenti si combattono senza regole fino alla morte, seguiti online da centinaia di migliaia di fan esaltati. Al nostro eroe impiantano due pistole nelle mani e gli mettono contro Nix, la folle e invincibile campionessa di Skizm.

Guns Akimbo è ipercinetico, iperviolento e divertentissimo; chi ama il genere (l’action comedy) se lo godrà senza dubbio, altrimenti è un prodotto da cui stare lontani, perché è talmente esagerato che lo spettatore deve avere voglia di farsi travolgere dal suo fragore. Oltre a questo c’è poco, dal momento che la critica sociale è talmente esplicita (la violenza nutrita dal web, la banalità del male, la morbosità della società della visione – con chiari rimandi a The Truman Show) da diventare un contorno che se non è di troppo per lo meno è superfluo.

Il regista Jason Lei Howden non ha il genio di Edgar Wright (l’attuale maestro di questo filone cinematografico) eppure non manca di talento, e se il suo film non può vantare la qualità registica né tanto meno di montaggio dei vari Hot Fuzz, Scott Pilgrim vs. the World e Baby Driver, sa come sopraffare lo spettatore con ottime scene d’azione. Nonostante poi il valore della sceneggiatura non sia ciò che cerchiamo in un film come Guns Akimbo, la scrittura regala diversi personaggi accattivanti (su cui spicca l’antieroina postfemminista Nix) e alcune gag davvero riuscite.

Ma torniamo a Daniel. Nel caos del film, tra esplosioni, smitragliate e urla c’è un pensiero che ci distrae. Quello del fu Harry Potter, seduto nella poltrona della sua villa londinese, che sorseggiando tè macchiato al latte legge per la prima volta la sceneggiatura di Guns Akimbo. Dopo poche pagine deve aver trovato una didascalia più o meno di questo tipo: «Davanti al water Miles non riesce a tenersi il pene con le mani-pistola, e gli scivola via, finendo col pisciare ovunque, compreso addosso a se stesso». Daniel appoggia la tazza ed esclama: «Voglio proprio farlo questo film!». Difficile togliersi questa immagine dalla testa, mentre lo vediamo correre, sparare, uccidere, esplodere.

È vero che con quanto gli ha fruttato e continua a fruttagli Harry Potter Radcliffe può permettersi qualunque cosa tanto rimarrà ricco sfondato per il resto della vita. Però come non si può amare un attore capace di mettersi in gioco senza mai prendersi sul serio, scegliendo di partecipare solo ai film che davvero lo divertono. Ed è evidente quanto Guns Akimbo lo abbia divertito. Almeno quanto ha divertito noi.

Leggi tutte le nostre recensioni e segui Marcello a Torino su Instagram e Twitter!

Scrivo, giro cortometraggi, faccio teatro.
Nel tempo libero sopravvivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here