Disney+ arriva oltreoceano: cosa funziona e cosa no

A distanza di due giorni dal debutto di Disney+ in America, Canada, Australia e Olanda ecco come funziona la piattaforma, cosa piace e cosa proprio no.

0
369
Disney+

Martedì 12 novembre la piattaforma streaming Disney+ è stata ufficialmente lanciata in America, Canada, Australia e Olanda. Ecco le informazioni positive e negative principali che sono girate riguardo al nuovo competitor di Netflix.

Il debutto di Disney+ è un crash

A quanto pare le aspettative di Disney erano più basse del previsto perché subito dopo il lancio migliaia di persone hanno scaricato e si sono connessi alla piattaforma causando crash e problemi tecnici. Moltissimi utenti dunque hanno riversato sui social i loro problemi di connessione alla piattaforma e Disney ha rassicurato subito gli utenti tramite un post Twitter:

La richiesta per #DisneyPlus ha superato le nostre più alte aspettative. Siamo contenti che non vediate l’ora di guardare tutti i vostri contenuti preferiti e noi stiamo lavorando velocemente per risolvere gli attuali problemi. Apprezziamo la vostra pazienza.

10 milioni di iscritti in due giorni

Nonostante i problemi tecnici Disney+ ha raccolto in soli due giorni ben 10 milioni di iscritti. Ha superato dunque di 2 milioni le aspettative prefissate (8 milioni).

Vista la velocità con cui hanno raggiunto cifre ragguardevoli, Disney spera di mantenere un afflusso più o meno costante alla sua piattaforma, anche se ovviamente i numeri andranno a calare col tempo.

Il prossimo obiettivo che si sono prefissati scade nel 2024 e consiste nel raggiungere il numero di 60 milioni di utenti. Attualmente l’app svetta nelle classifiche degli App Store di qualsiasi dispositivo, non resta che aspettare e vedere.

Disney +

I fan dei Simpson non sono contenti

I fan dei Simpson possono accettare la mancanza dell’episodio con Michael Jackson (a causa delle accuse sostenute nel documentario Leaving Neverland) ma non il nuovo formato.

Infatti Disney+ ha adottato il formato wide-screen per tutti gli episodi dei Simpson scatenando il disappunto degli utenti perché molte scene risultano tagliate. Di conseguenza, molti dettagli fondamentali e divertenti non sono più visibili.

Ecco alcuni confronti tra i due formati che hanno invaso Twitter:

Ricordiamo che la piattaforma arriva in Italia il 31 marzo 2020.

Questa e altre notizie su CiakClub.it

Ricerco nell’arte l’espressione tangibile dei miei pensieri e la confutazione degli stessi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here