La Sirenetta del remake live action sarà nera: scoppiano le polemiche

Ai fan proprio non è piaciuta la scelta della giovane cantante come nuova Ariel, ma molte critiche sono sfociate in insulti razzisti.

0
665
Sirenetta

Tra i tanti remake disneyani in live action in programma, c’è La sirenetta, classico del 1989 tratto dall’omonima fiaba di Hans Christian Andersen. Il film sarà diretto da Rob Marshall, e probabilmente uscirà nel 2021. Due giorni fa è stata annunciata l’attrice che interpreterà Ariel, la protagonista. E sono sorte infinite polemiche.

Sì, perché la sirena avrà il volto della giovane Halle Bailey, 19 anni e nota soprattutto come membro del duo R&B Chloe x Halle, ci cui è parte con la sorella Chloe. Sono state proprio loro dal loro account Twitter a rivelare la scelta di casting. Ma cosa ha scatenato il putiferio sulla rete?

Bailey ha una bellissima voce, ma poca esperienza come attrice: solo un paio di comparaste al cinema e qualche particina in serie tv come Grown-ish. Non è però la sua scarsa esperienza ad aver turbato i fan della Disney, bensì il suo aspetto. Perché Halle Bailey è nera e certo non assomiglia alla pallida Ariel dai capelli rossi cui eravamo abituati.

La nuova Sirenetta dovrebbe essere ambientata ai Caraibi, quindi l’aspetto della ragazza sarebbe adatto, ma moltissimi non hanno gradito questa scelta, e avrebbero voluto al suo posto un’attrice più vicina al modello originale. Si sono sprecati i commenti razzisti, e tanti hanno accusato la Disney di un eccesso di politically correct.

Certo è una scelta inaspettata, ma già il film del 1989 si prendeva grosse libertà dalla fiaba originale; non c’è quindi da stupirsi che una nuova versione presenti ulteriori differenze. La sirenetta, e il lavoro di Halle Bailey, al suo esordio in una produzione di tale importanza, meritano di essere giudicati per quello che sono, al di là dei discorsi sul colore della pelle della protagonista.

Questa e altre notizie su CiakClub!

Scrivo, giro cortometraggi, faccio teatro.
Nel tempo libero sopravvivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here