Stefano Solima spiega perché il personaggio di Emily Blunt è stato escluso da Soldado

A quanto pare, si tratta di una scelta "morale". Ma i produttori vogliono riportarla sullo schermo per il terzo film della serie, che sarà diretto da Taylor Sheridan.

0
1260
Stefano Sollima

È da pochi giorni uscito negli Stati Uniti Sicario: Day of the Soldado (o più semplicemente Soldado, come uscirà qui in Italia), il sequel del film di Denis Villeneuve diretto dal nostro Stefano Sollima, all’esordio oltreoceano. Il film sta andando benissimo al box office, dove è terzo dietro ai soli Jurassic World: Fallen KingdomGli Incredibili 2. L’accoglienza non è invece stata entusiastica, e Soldado è piaciuto alla critica anche se per molti non regge il confronto con il primo film.

Sollima ha però approfittato dell’uscita del film e di alcune critiche che gli sono state rivolte per spiegare una delle scelte più controverse della pellicola, e non c’è dubbio che si tratta di dichiarazioni interessanti. Dal film è infatti stata esclusa Kate Macer, protagonista femminile del film di Villeneuve, interpretata da Emily Blunt.

Soldado

Già in fase di preproduzione lo sceneggiatore Taylor Sheridan aveva annunciato l’assenza spiegando che l’arco narrativo del personaggio si era già concluso in Sicario e che non avrebbe avuto senso riproporlo. Ora Sollima dà una nuova spiegazione, di tutt’altro tipo: «Emily Blunt è un’attrice straordinaria, ma il suo ruolo era praticamente quello di guida morale per il pubblico. In Soldado non ne abbiamo una. Ciò è più vicino alla mia idea di narrazione. Preferisco che non ci sia una guida morale per il pubblico».

Se si ripensa alla precedente carriera di Sollima, in effetti la scelta appare sensata: il suo è un cinema cupo e violento, tutto giocato sulle sfumature, e dove quindi il bianco e il nero non possono esistere. Un personaggio dall’etica così forte sarebbe stato senza dubbio fuori luogo. Si tratta comunque di una scelta coraggiosa, perché, ancor più che il nostro, il cinema statunitense ci tiene molto a far capire agli spettatori chi è l’eroe “buono” di una storia.

Tant’è che nel terzo capitolo di quello che sembra destinato a divenire un trittico, è probabile che Emily Blunt torni nei panni di Kate Macer. A dirigere il film non sarà più Sollima ma lo stesso Sheridan (sceneggiatore anche del primo Sicario e regista de I segreti di Wind River), e il produttore Trent Luckinbill ha dichiarato che, sebbene non ci sia ancora uno script, con Sheridan stanno discutendo della possibilità di riportare sullo schermo Macer.

Questa e altre notizie su CiakClub.it!

Scrivo, giro cortometraggi, faccio teatro.
Nel tempo libero sopravvivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here