È morto Bill Gold, leggendario autore di più di 2000 locandine cinematografiche

In 70 anni di carriera - dal 1941 al 2011 - ha lavorato per maestri del calibro di Kubrick, Hitchcock, Eastwood, Scott, Fellini e John Ford

0
2294

Bill Gold, l’artista autore di locandine di classici del cinema come Casablanca, Arancia Meccanica e l’Esorcista, è morto all’età di 97 anni. L’illustratore, nato a Brooklyn nel 1921, è mancato nel sonno nella sua tenuta in Connecticut ieri, stando a quanto dichiarato da un portavoce della famiglia.

La sua carriera ad Hollywood è durata per ben 70 anni. Reclutato nel dipartimento pubblicitario della Warner Bros nel 1941, all’età di 20 anni, le sue prime locandine furono per il musical di James Cagney Yankee Doodle Dandy, e per il dramma classico Casablanca.

Negli anni ’40 e ’50, ha lavorato con registi del calibro di Alfred Hitchcock, John Ford ed Elia Kazan, disegnando per cult fra cui: Un tram che si chiama Desiderio e Il Delitto Perfetto (Dial M for Murder).

Man mano che la sua reputazione cresceva, Bill Gold divenne uno degli artisti più stimati di Hollywood, fondò la sua società privata e lavorò per alcune delle produzioni più importanti degli anni ’60, fra cui: Gangster Story, Chi ha paura di Virginia Woolf?, e Nick mano fredda.

La fine dell’età d’oro di Hollywood non diminuì il contributo di Gold. Al contrario, è proprio durante gli anni ’70 e ’80 che l’artista newyorkese produsse alcuni dei suoi lavori più noti. Fra i quali ricordiamo: Arancia meccanica, Il violinista sul tetto, diversi western di Clint Eastwood, e l’horror più celebre di sempre, L’Esorcista.

Giunto agli anni ’90, Bill Gold cominciò a ridurre il suo lavoro, ma continuò a produrre per importanti film, fra cui le principali opere di Clint Eastwood: Gli Spietati, I ponti di Madison County, e Mystic River. La sua ultima locandina fu per il film J. Edgar, con Leonardo DiCaprio nei panni del fondatore dell’FBI J. Edgar Hoover, sempre per la regia di Clint Eastwood.

<<Nutriva grande rispetto per il film, per la storia, e rispettava sempre ciò che cercavamo di realizzare>>, ha dichiarato Eastwood del lavoro di Gold.

Per mettermi i piedi in testa ci vuole Ben Affleck

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here