John Lasseter potrebbe essere riammesso alla Disney Pixar

Il direttore creativo degli studios si era autosospeso per sei mesi dopo le accuse di molestie. Ora che quel periodo sta per finire, la Disney deve decidere cosa fare con lui, e l'intenzione sembra essere quella di non licenziarlo.

0
919
John Lasseter

Uno dei nomi illustri a finire nel mirino del movimento #metoo è stato John Lasseter, regista di Toy Story e colonna portante della Pixar prima e della Disney poi. Qualche mese fa venne accusato di molestare regolarmente le proprie impiegate, e saltò fuori addirittura che la Disney avrebbe incaricato qualcuno di controllare e contenere Lasseter nelle occasioni pubbliche.

Lasseter non ha mai negato le accuse, anzi, si scusò del proprio comportamento e si autosospese per sei mesi. Ora che quei sei mesi sono agli sgoccioli, la Disney deve prendere una decisione sul destino del suo direttore creativo. Fino a poco tempo fa il suo destino sembrava segnato, con la Disney che aveva istituito un “Giorno dell’ascolto” per decidere assieme ai suoi dipendenti cosa fare con Lasseter. E tutto sembrava far pensare a un suo licenziamento definitivo.

Le cose potrebbero invece andare diversamente. Lasseter è considerato troppo importante all’interno della società, e un suo definitivo allontanamento viene visto come troppo dannoso. L’intenzione sarebbe dunque quella di riammetterlo, ma con un ruolo differente. Si vogliono infatti ridurre drasticamente i suoi poteri decisionali in ambito manageriale, lasciandogli però libertà creativa. In pratica, Lasseter continuerà a lavorare ai film Disney Pixar, ma non avrà più voce in capitolo per quanto riguarda la gestione del personale.

Pixar

Il rientro di Lasseter avverrà il 21 maggio, dunque tra soli tre giorni sapremo cosa avrà deciso la Disney, il cui dilemma è tutt’altro che facile. Lasseter aveva potere decisionale su tutti i film usciti dallo studios, ed è da sempre considerato lui il responsabile del successo della Pixar e del rilancio della Disney. Rimpiazzarlo sarebbe certamente complesso. Di contro, però, la Disney non può ignorare quello che ha fatto, e, dal punto di vista aziendale, rischia un pesante danno d’immagine se facesse finta di niente.

Potrebbe dunque essere questa soluzione la via di mezzo per mettere d’accordo tutti. Non si tratta ancora di una decisione ufficiale, e bisogna aspettare qualche giorno per sapere cosa effettivamente accadrà. L’unica cosa che appare del tutto improbabile è un suo ritorno alle stesse funzioni precedenti. Ma quanto lo scandalo effettivamente gli costerà, lo vedremo.

Questa e altre notizie su CiakClub.it!

Scrivo, giro cortometraggi, faccio teatro.
Nel tempo libero sopravvivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here