Stan Lee sporge la prima denuncia per frode e abusi

Nonostante avesse smentito di essere vittima, ora Stan Lee ha querelato l'ex collaboratore Jerardo Olivarez, che da tempo si starebbe approfittando di lui.

0
902
Stan Lee

La recente epopea di Stan Lee si arrichisce di un nuovo capitolo. Negli ultimi mesi il celebre fumettista è stato costantemente al centro dell’attenzione mediatica a causa delle tante brutte vicende che lo hanno riguardato, dalle accuse di molestie ai problemi di salute. Molte notizie però riguardavano problemi che Stan Lee avrebbe avuto con i suoi collaboratori: pareva infatti che qualcuno si fosse approfittato della sua età e della sua condizione di salute per frodarlo, e qualcuno suggeriva che nelle macchinazioni a suo danno fosse coinvolta addirittura la figlia, Joan Celia Lee.

Solo una settimana fa, però, Stan Lee aveva fatto circolare un video in cui negava di essere stato vittima di abusi, difendendo Keya Morgan (assistente di Joan e principale accusata dai media) e minacciando azioni legali contro chiunque avesse continuato a portare avanti voci a suo dire false e infamanti. Ora Stan Lee avrebbe davvero sporto una prima denuncia, ma non perché qualcuno ha insistito nelle accuse a Morgan, bensì contro chi lo avrebbe effettivamente frodato.

Pare infatti che al Tribunale di Los Angeles sia arrivata una querela da parte di Stan Lee contro Jerardo Olivarez, ex collaboratore del fumettista ora accusato di averlo frodato di quasi un milione e mezzo di dollari. Nella querela, disponibile online, Olivarez è accusato anche di abuso senile e di diverse operazioni compiute ai danni di Stan Lee e del suo patrimonio.

Stan Lee2

Secondo l’accusa, ci sarebbe sempre Olivarez dietro a una delle disavventure più raccapriccianti accadute a Stan Lee: sarebbe infatti stato lui a rubare il sangue del fumettista per firmare a suo nome degli albi a fumetti poi stati messi in vendita come morboso oggetto da collezione.

La vecchiaia di Stan Lee si sta rivelando molto complicata. L’autore Marvel, la mente dietro quasi tutti i più importanti personaggi della casa editrice, è stata a lungo vittima impassibile di chi ha voluto approfittarsi della sua condizione fisica e mentale. Possiamo sperare che questa querela sia il primo passo verso la tranquillità che un uomo di 95 anni merita. In bocca al lupo a Stan Lee, dunque!

Questa e altre notizie su CiakClub.it!

Scrivo, giro cortometraggi, faccio teatro.
Nel tempo libero sopravvivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here