Stranger Things 3: importanti aumenti d’ingaggio per i giovani attori

Sono soprattutto gli attori più giovani del cast di Stranger Things 3 che vedono aumentare il proprio stipendio, in alcuni casi addirittura del 1200%.

0
2028

Quando una serie ha successo, il budget per la futura stagione aumenta. Sono le regole base del mercato. Questo è accaduto per la seconda stagione di Stranger Things, e questo nuovamente capiterà in occasione della terza. In cui sono previsti aumenti d’ingaggio per tutti gli attori che interpretano personaggi cardine della serie.

Aspetto che forse passa inosservato con gli attori già affermati, ossia Winona Ryder e David Harbour, che ricevevano fin dal principio stipendi corposi: rispettivamente 80 mila e 100 mila dollari a puntata. Ma è soprattutto il gruppo di giovani star che vedrà cambiare in modo cospicuo il proprio salario, ed in modo eclatante: Finn Wolfhard, Gaten Matarazzo, Caleb McLaughlin e Noah Schnapp. Tutto il gruppo prendeva in origine meno di 20 mila dollari ad ogni episodio. Ora, nella terza stagione, i ragazzi prenderanno 250 mila dollari a puntata, a poca distanza dal gruppo degli “adulti”, che ne percepirà 350 mila. Chiudono infine il cast, con la fascia più bassa, Natalia Dyer e Charlie Heaton, con i loro 150 mila dollari a puntata.

Discorso a parte quello che riguarda Millie Bobby Brown, forse la stella che si è maggiormente consacrata e distinta nella serie, e che si posiziona tra le fasce dei giovani e degli adulti, andando a guadagnare 300 mila dollari ad episodio.

Millie Bobby Brown nella seconda stagione di “Stranger Things”

Comunque, per tutti gli attori che interpretano il gruppo di amici in lotta con il Demogorgone in quel di Hawkins, si tratterà di andare a ricevere salari di dodici volte più alti rispetto ai precedenti (dunque un aumento di circa il 1200%).

Bisogna preoccuparsi?

È un dato di fatto che molte serie finiscono proprio nel momento in cui i costi diventano superiori ai ricavi: basti pensare agli stipendi del cast di Friends, divenuti ingestibili e che hanno dunque portato alla chiusura della serie. O ancora, al cast di The Big Bang Theory, nel quale in molti casi si superano le cifre a sei zeri ad episodio.

C’è da sperare che questi aumenti siano soltanto il segno di riconoscimento verso un prodotto valido e di successo, e verso i giovani che si sono consacrati contribuendone alla realizzazione. La terza stagione di Stranger Things entrerà in lavorazione nel mese di aprile, ma bisognerà aspettare il 2019 per l’uscita.

Questa e altre notizie nella sezione News di CiakClub.it

Sceneggiatore, nel tempo libero scrivo racconti. Credo che ogni persona abbia un universo dentro e che vada raccontato. Credo nell’empatia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here