Alec Baldwin critica ancora il movimento #MeToo e parla di Kevin Spacey.

Nel suo nuovo programma l'attore ha espresso la propria empatia nei confronti di Spacey e attaccato con durezza il movimento #MeToo.

0
2308
Alec Baldwin

Alec Baldwin non è noto per essere accomodante. Anzi, si è sempre distinto per la grande schiettezza. Tant’è che ultimamente non si è fatto problemi a rendere note le sue opinioni piuttosto impopolari sulla questione degli scandali sessuali che hanno travolto Hollywood, prendendo una posizione piuttosto critica nei confronti del movimento #MeToo, attirando su di sé innumerevoli critiche.

Baldwin non ha mai difeso i molestatori, certo, ma in più occasioni si è detto scettico nei confronti di molte accuse. Per esempio ha difeso Woody Allen, sottolineando come sia già stato processato e sia risultato innocente. Nel primo episodio di un nuovo programma da lui condotto per la ABC, Sundays with Alec Baldwin, L’attore statunitense è tornato a parlare di queste vicende discutendone in una conversazione con il comico Jerry Seinfeld, e le sue dichiarazioni hanno già sollevato aspre polemiche.

Sundays with Alec Baldwin

Dopo aver criticato il sistema giudiziario per non essere intervenuto a tempo debito, Baldwin ha espresso empatia per Kevin Spacey, del tutto sparito dalla circolazione dopo le pesanti accuse che gli sono state rivolte: «È sempre triste vedere qualcuno autodistruggersi, anche quando si tratta di persone orribili. Come Kevin Spacey. Voglio bene a Kevin […]. La fama era molto importante per lui. Amava essere riconosciuto. E ora è l’opposto. Sarà una condanna a morte per lui. Si ritroverà a chiedere di non essere guardato, supplicando che nessuno si ricordi lui. Sarà molto, molto difficile per lui».

Baldwin ha poi espresso la preoccupazione che gli uomini siano sempre meno propensi ad assumere donne per la paura di poter essere rovinati solo per un’accusa infondata. Sebbene queste dichiarazioni possano essere ambigue, non bisogna pensare che Baldwin sia un apologo delle molestie. Pochi mesi fa aveva dichiarato di essersi macchiato lui in prima persona di comportamenti sessisti, trattando alcune donne “non nello stesso modo in cui si tratta un uomo“, e aveva auspicato che la cosa cambiasse.

Jerry Seinfeld

Ciò che l’attore critica è quello che lui considera una deriva estremista e pericolosa di un movimento dai principi giusti. Certo, è piuttosto duro nei suoi confronti, e nella trasmissione lo ha definito un epico movimento intestinale. Parole molto dure che faranno discutere, ma Baldwin non sembra voler nascondere le proprie idee.

Questa e altre notizie su CiakClub.it!

Scrivo, giro cortometraggi, faccio teatro.
Nel tempo libero sopravvivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here