Jodie Foster contro i Cinecomic Marvel e Dc

Jodie Foster, famosa attrice e regista americana in una recentissima intervista ha dichiarato il suo parere negativo verso i Cinecomic.

0
1063
Jodie Foster

Jodie Foster si scaglia contro i Cinecomic prodotti da Hollywood

La famosa attrice e regista americana in una recente intervista ha dichiarato il suo parere negativo verso i Cinecomic

Jodie Foster

Jodie Foster, da qualche giorno online su Netflix come regista, con il suo Arkangel, secondo episodio di Black Mirror 4, in una recente intervista a Radio Times (DailyMail), ha dichiarato senza mezzi termini di non voler dirigere o recitare in nessun film con i supereroi.

“Andare al cinema sta diventando come recarsi ad un luna park”

Così l’attrice premio Oscar ha definito questo nuovo genere di esperienze ad alto budget che si inseriscono nel mercato con un meccanismo di fracking ovvero “ricevono il miglior ritorno possibile dell’investimento nell’immediato ma rovinano il mondo”, milioni di appassionati infatti si recano in sala per vivere un’esperienza fantasy senza precedenti.

Questo genere di film “rovinano le abitudini di visione degli appassionati di cinema degli americani ma anche nel resto del mondo”, Jodie Foster sembra non avere alcun tipo di freno a riguardo, in una situazione che forse vive con disappunto e sofferenza parlando anche del poco rispetto che c’è ad Hollywood per i registi se non si è dei nomi giganti come Steven Spielberg o Clint Eastwood.

Jodie Foster

L’attrice ha infine dichiarato di non essere intenzionata a lavorare in film Cinecomic da 200 milioni di dollari costruiti con accurata CGI perchè:

“Questa sorta di spettacolo non è la ragione per la quale faccio dei film, ci sono delle cose che vorrei esprimere perchè il mio fine è quello di voler trasformare in immagini ciò che sento di essere come essere umano nel rapporto con il mondo o per evolvere come persona”.

Leggi anche la nostra recensione di Bright

Regista, sceneggiatore, scrittore, speaker radiofonico. Appassionato di cinema, arte, musica, letteratura, fotografia e rock’n’roll.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here