Star Wars: The Last Jedi, una guida per la visione

0
736

Manca solo un giorno all’attesissima uscita di Star Wars: The Last Jedi, nuovo capitolo della saga. Cerchiamo di fare il punto della situazione per capire cosa aspettarci.

Finalmente ci siamo, domani: mercoledì 13 dicembre arriverà nelle sale uno dei film più attesi dell’anno, anzi, per molti il più atteso. Star Wars: The Last Jedi (titolo che lasciamo in inglese a causa della doppia valenza del significato) è un film che si porta dietro una serie di premesse (e di promesse) importanti: ci sono molte domande a cui ci si aspetta una risposta e la speranza che il film getti le fondamenta per il futuro della saga, di cui è già stata confermata una quarta trilogia. Ieri abbiamo cercato di spiegarvi le sensazioni che un fan di Star Wars prova a ridosso dell’uscita nelle sale di quest’ultimo film, oggi invece cercheremo di stilare una guida oggettiva che ci permetta di arrivare preparati alla visione.

Rey e Luke - The Last Jedi
Rey (Daisy Ridley) e Luke (Mark Hamill) in una scena del film.

Domande in sospeso.

Il capitolo precedente: Il Risveglio della Forza aveva lasciato una serie di domande in sospeso che, almeno parzialmente, dovrebbero ricevere una risposta in The Last Jedi. Ad esempio: perchè Luke si trova su un’isola deserta? Chi sono i genitori di Rey? Che fine farà Kylo Ren? Nessuno si aspetta una risposta definitiva a tali quesiti, in quanto The Last Jedi è il capitolo di mezzo della saga, dunque ha una libertà che il capitolo finalenon avrà, vale a dire che può prendersi il lusso di lasciare alcuni quesiti irrisolti, ed è forse questa libertà a farci sperare in un buon risultato. Ma vediamo nel dettaglio le domande irrisolte.

Cosa è successo a Luke?

Uno dei maggiori punti interrogativi lasciati dal precedente film è il motivo per cui Luke Skywalker, l’eroe della seconda (in ordine cronologico) trilogia, sia fuggito per nascondersi su un’isola deserta nel mezzo del nulla. Secondo quanto abbiamo visto nel capitolo VII, prima che Rey lo trovasse, Luke era disperso da decenni, aveva abbandonato la ribellione e nessuno sapeva dove fosse. Oltre ad allenare Rey, Luke dovrà spiegare il motivo per cui scappò, e conoscendo il personaggio, sarà qualcosa di molto serio.

Chi sono i genitori di Rey?

Rey è la nuova eroina di cui tutti sono innamorati. Ha un carisma ed una determinazione invidiabili, e inoltre sa padroneggiare molto bene la Forza senza essersi mai allenata a farlo, quindi può essere potenzialmente più forte di molti Jedi che abbiamo incontrato nei precedenti capitoli. Eppure proprio la sua abilità nel maneggiare la forza è ciò che rende interessante la scoperta della sua genia. Presumibilmente, Rey è figlia di un Jedi (o di un Sith) molto potente, e il fatto che sia stata abbandonata sul pianeta di Jakku Potrebbe essere un ulteriore indizio, infatti sarebbe stato il modo migliore per nasconderla al Primo Ordine, nuovo nemico giurato dei Jedi. Le ipotesi più accreditate vogliono che sia proprio figlia di Luke, ma staremo a vedere.

Che fine faranno i Jedi?

Il titolo del film in questo caso già rivela molto. Indipendentemente dalla errata traduzione italiana, si parla dell’ultimo Jedi, cioè Luke. E se l’ultimo Jedi è scappato su un’isola deserta, cosa ne sarà dei Jedi? Rey ha dimostrato di saper padroneggiare la forza, e sappiamo che vuole essere addestrata da Luke, eppure ancora non sappiamo quale direzione prenderà la sua strada, visto anche che nel trailer c’è una scena molto enigmatica: Kylo Ren che tende la mano a Rey.

Chi vincerà tra il Primo Ordine e i Ribelli?

Come in ogni Star Wars che si rispetti, le vicende dei singoli personaggi avvengono sullo sfondo di un più ampio conflitto intergalattico, che questa volta vede contrapposto il Primo Ordine ai Ribelli. Del Primo Ordine (e del suo misterioso comandante: il Leader Supremo Snoke) sappiamo ancora poco, eppure già nel capitolo VII abbiamo avuto un assaggio dello scontro, inoltre nel trailer di The Last Jedi sono presenti scene di guerra, quindi è ovvio che lo scontro andrà avanti.

Chi è Finn?

Uno dei personaggi più interessanti introdotti in questa trilogia è Finn, la cui storia è stata sconvolgente per i fan della saga. Ne Il Risveglio della Forza, Finn fa parte dell’esercito del Primo Ordine guidato da Kylo Ren, eppure nel corso del film decide di disertare. Oltre a porre dei quesiti sul metodo di creazione dei cloni, sicuramente cambiato dai tempi delle trilogie precedenti, questo è sintomo di un libero arbitrio inedito di cui i cloni non erano mai stati capaci. Infine, nel corso del capitolo precedente Finn riesce anche ad usare la spada laser che sarà poi di Rey, quindi potrebbe avere una più o meno spiccata capacità di usare la forza.

Come si evolverà il personaggio di Kylo Ren?

Kylo Ren è il cattivo principale della trilogia, almeno così sembrava nel precedente capitolo. Controlla l’esercito del Primo Ordine, aspira ad eguagliare la potenza di Darth Vader, uccide Han Solo, eppure durante tutto il corso della pellicola precedente lo vediamo in preda a dubbi e ripensamenti: da una parte c’è la voglia di diventare un Sith potente al pari di Darth Vader, dall’altra ci sono i dubbi di un ragazzo giovane che non crede pienamente nel progetto per cui combatte. Nella sopraccitata scena del trailer di The Last Jedi in cui porge la mano a Rey, Ren si dimostra ancora meno deciso di quanto potessimo pensare, ed instilla ulteriori dubbi sulla direzione che prenderà il suo personaggio.

Quale sarà il ruolo della principessa Leila?

L’esercito dei ribelli è ancora guidato da Leila, la mitica principessa interpretata dalla compianta Carrie Fisher. Il suo ruolo come personaggio-guida è incontrastato, è lei ciò che rappresenta meglio la Ribellione e i suoi valori, ed inoltre è uno dei personaggi più amati della saga. Se la sua presenza in The Last Jedi non è in dubbio, è chiaro che con la morte di Carrie Fisher (a cui è stato dedicato un commovente tributo durante l’anteprima mondiale) viene da chiedersi se la vedremo anche in futuro. La Disney ha già dimostrato di potere e volere ricorrere alla CGI per ri-creare i personaggi, come già avvenuto in Rogue One. Dunque vedremo nel futuro della saga ci sarà posto ancora per Leila, anche se ricostruita artificialmente, oppure se la sua storia finirà con questa trilogia. Intanto Mark Hamill ha affermato: “So che stanno cercando un modo per chiudere la sua storia in Episodio IX dandole il rispetto che merita”

chaos e distruzione - The Last Jedi
Una scena del film.

Futuro della saga.

Star Wars è la saga più famosa e longeva della storia del cinema, sul questo c’è poco da dire. Con 8 film realizzati, e almeno quattro già programmati, nessuno ha creato un immaginario altrettanto grande. La Disney ha giustamente pensato che un’opera del genere può essere fonte di storie potenzialmente infinite, oltre ad un investimento commerciale dalla sicura riuscita, e dunque oltre ad aver confermato una quarta trilogia, sono stati annunciati anche una serie di spin-off su personaggi iconici della saga che vedranno la luce nel corso degli anni. Come dire, Star Wars non avrà mai fine a quanto pare.

La creazione di una nuova trilogia, cominciata con Il Risveglio della Forza, è stata un’operazione complessa ed interessante sotto vari punti di vista: si trattava di riportare alla luce un prodotto degli anni 80, rimodernizzandolo e creando le basi per il futuro. In quanto sequel della trilogia originale, questa ha dovuto affrontare una serie di problemi che potevano comprometterne l’esito. Tuttavia, grazie al successo del capitolo VII, e soprattutto di Rogue One, la Disney è riuscita a conquistare nuovamente il pubblico, che ora si aspetta altri prodotti di qualità. Sono stati già confermati:

Parliamo di Rian Johnson.

Rian Johnson - The Last Jedi
Rian Johnson al lavoro sul set

Uno dei maggiori punti interrogativi riguarda il regista a cui è stata affidata la regia (e che poi ha ottenuto anche la sceneggiatura) del film: Rian Johnson. Dover realizzare un film di Star Wars è un’impresa complicata a causa della pressione a cui è sottoposta tutta la produzione, dunque tutti sono rimasti sorpresi quando è stato confermato Johnson alla regia del film, uno che ha realizzato solamente 3 film nel corso di 12 anni, di cui solo uno può essere definito un grande film nel senso economico del termine: Looper del 2012. 

E’ la prima volta che il regista americano si trova a gestire un budget così grande ed un cast così ampio, dunque ci sono molti dubbi che parzialmente però hanno trovato risposta nelle reazioni del cast, che non ha trovato grandi difficoltà (a parte qualcuno) a lavorare con Johnson, e nella fiducia della Disney, che ha affidato al regista anche il capitolo IX oltre alla scrittura di almeno altri due capitoli.

Oltre ad essere un regista molto bravo, Johnson è anche un grandissimo fan di Star Wars, come ha rivelato in un intervista rilasciata al New York Times in cui ha affermato che quando gli è arrivata la proposta “è stato come se una bomba fosse caduta. All’improvviso mi sono reso conto che gli incontri che avevo avuto riguardavano Star Wars. Non ho cercato di nascondere il fatto che stavo andando fuori di testa.”

Dunque il film è stato affidato ad un mega-fan della saga, che ha conquistato la fiducia di un cast complicato e di una produzione importante, non potevano esserci migliori premesse.

Le prime reazioni.

The Last Jedi uscirà in sala solamente domani, ma già c’è stata una première mondiale che si è tenuta pochi giorni fa a Los Angeles, da cui sono uscite le prime reazioni del pubblico (che abbiamo raccolto per voi in un articolo). In generale esse sono state positive, al limite dell’entusiasmo irrazionale, quello da cui si viene posseduti dopo la visione di un grandissimo film. Direi che con queste premesse non possiamo non aspettarci un risultato all’altezza.

Studente di Cinema. Faccio molte cose come fotografare, scrivere e bere ma non me ne riesce bene nessuna. Forse l’ultima un pò meglio delle altre.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here