Adamo Dionisi distrugge un hotel e picchia una donna: arrestato

Il noto attore si è reso protagonista di diversi crimini; è al momento in attesa di processo.

0
919

Adamo Dionisi è stato arrestato nel viterbese. L’attore, interprete del capo degli zingari nella serie tv Suburra, avrebbe picchiato una donna e distrutto una camera d’albergo nell’hotel Salus Terme. A quanto sembra, era sotto l’effetto dell’alcol. La ragione non è chiara, ma avrebbe dato in escandescenza iniziando a devastare la camera.

Adamo Dionisi
Adamo Dionisi in Suburra.

L’intervento della polizia, come riporta Il Messagero, è stato provvidenziale. Dionisi è stato prontamente arrestato ed è comparso oggi in udienza davanti al giudice Gaetano Mautone che, dopo mezz’ora di interrogatorio, avrebbe convalidato l’arresto per poi rimetterlo in libertà. Adesso ha anche il divieto di avvicinarsi alla donna che era con lui. Il 52enne è atteso adesso da un processo che si terrà il 19 gennaio, sempre a Viterbo.

Dionisi è noto anche per essere un ex capo ultras del gruppo laziale degli Irriducibili, famosi per essere il cuore pulsante della tifoseria biancoceleste e una frangia di tifoseria abbastanza vivace. L’attore si trovava in un famoso hotel per, a quanto si dice, rilassarsi prima di girare un film in Francia prossimamente. L’uomo era già stato arrestato precedentemente per ragioni legate al possesso di droga; proprio in carcere,a Rebibbia, aveva iniziato a studiare recitazione. Il suo esordio sul grande schermo fu nel 2008, nel film Chi nasce tondo… di Alessandro Valori. Nella sua filmografia figurano anche delle collaborazioni con registi quali Paolo Virzì, Sabina Guzzanti e lo stesso Stefano Sollima, regista del film di Suburra. Recentemente è arrivato l’esordio su Netflix per l’omonima serie.

Per altre notizie seguiteci su CiakClub.it

 

 

Nato a Roma. Giornalista sportivo e cinematografico. Studioso e appassionato della Settima Arte e della letteratura da sempre. È tutto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here