Per Flavia Vento i film di Quentin Tarantino sono per malati di mente

Flavia Vento ha fatto sapere, tramite un tweet indirizzato a DiCaprio, che secondo lei i film di Quentin Tarantino sarebbero per malati di mente

0
8027
Flavia Vento

L’attesa per Once Upon a Time in Hollywood è ormai divenuta insostenibile, ancor di più dopo che, in seguito alla prima proiezione a Cannes, le prime recensioni stanno vedendo la luce (alcune lusinghiere, altre meno, per la verità). Tutti, insomma, bramano di vedere l’ultima pellicola del geniale Quentin Tarantino. Tutti, ma proprio tutti? Beh…forse no. A quanto pare, la soubrette romana Flavia Vento, classe 1977, non rientra fra i fan del regista di Knoxville.

Pochi giorni fa, infatti, attraverso Twitter, Flavia Vento ci ha tenuto a far sapere, con un tweet indirizzato nientemeno che a Leonardo DiCaprio, che non attende affatto l’ultima fatica di Tarantino; lei, a suo dire, non avrebbe mai accettato di lavorare con lui, in quanto i suoi film sarebbero nientemeno che per malati di mente.

Un parere tanto tranchant (rispettabile, per carità, come ogni opinione personale, ma quantomeno discutibile) ha naturalmente scatenato la feroce reazione dei commentatori: molti, infatti, sono state le risposte di scherno nei confronti della soubrette, tornata da poco a tempo pieno in TV, come ospite dei programmi pomeridiani e del serale Live – Non è la D’Urso, per parlare della sua svolta religiosa e delle sue scelte personali.

Flavia Vento, del resto, non è tipa da mandarle a dire: attraverso Twitter ed i social in generale, infatti, commenta un po’ di tutto: solo una settimana fa, ad esempio, aveva fatto una dura ramanzina, su Canale5, direttamente dal salotto di Barbara D’Urso, a Rocco Siffredi.

Tempo fa, invece, aveva simpaticamente tentato un approccio digitale con Tom Cruise, senza troppo successo (almeno da quanto ci è dato sapere). Chissà, a questo punto, se il buon Leonardo DiCaprio commenterà questo tweet in cui è stato tirato in causa. Onestamente crediamo di no, ma non si sa mai! O, magari, a rispondere sarà proprio Quentin Tarantino, per difendere le sue opere…

Nato a Roma nel 1990, è un assiduo divoratore di libri, film, serie TV, musica rock ed ogni prodotto capace di lasciare un segno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here