I Migliori Film del 2018: ecco la classifica dei Cahiers du cinéma

0
242
Cahiers du cinéma

“The Wild Boys” di Bertrand Mandico è il Miglior Film del 2018 secondo I Cahiers du cinéma. In classifica anche “Il Filo Nascosto” e The Post”.

Ed eccoci, come di consueto, in quel periodo dell’anno in cui cominciano a fioccare le classifiche con il meglio dell’offerta cinematografica dell’anno che va a declinare.

Anche questa volta sono gli autorevoli Cahiers du cinéma ad aprire le danze, con una classifica dalla solita spocchia cinefila che solo un anno fa ci sorprendeva con un inatteso Twin Peaks – Capitolo III in vetta.

La classifica dei Cahiers du cinéma riporta una serie di titoli e autori che non vedremo mai nelle nostre sale di vocazione “Pop” ma che sono stati proiettati e premiati nei Festival del Cinema internazionali.

Non possiamo certo dimenticare l’autorevolezza che da sempre ricopre una delle riviste di critica cinematografica più antiche che, negli anni, si è avvalsa dei contributi delle più eccelse penne di tutti i tempi, tra cui Éric Rohmer, Jacques Rivette, Jean-Luc Godard, Claude Chabrol e François Truffaut.

Per queste ragioni, non possiamo di certo attenderci delle classifiche in linea con le opinioni pubbliche, i gusti popolari o i prodotti commerciali.

In questa Top Ten squisitamente cinefila, troviamo poche, note, eccezioni: come Il Filo Nascosto di Paul Thomas Anderson, candidato Oscar in diverse categorie, tra cui Miglior Film; l’acclamatissimo The Post dSteven Spielberg con la coppia d’oro Tom Hanks e Meryl Streep The House that Jack Built del controverso regista Lars Von Trier che, come al solito, divide la critica.

Cahiers du cinéma

Detto questo, ecco a voi i Migliori Film del 2018 decretati dai Cahiers du cinéma:

1. The Wild Boys (Bertrand Mandico)
2. Coincoin and the Extra-Humans (Bruno Dumont)
3. Il filo nascosto (Paul Thomas Anderson)
4. Burning (Lee Chang-dong)
5. Paul Sanchez est revenu! (Patricia Mazuy)
6. The Post (Steven Spielberg)
7. On the Beach at Night Alone (Hong Sang-soo)
8. The House That Jack Built (Lars von Trier)
9. Summer (Kirill Serebrennikov)
10. Treasure Island (Guillaume Brac)

Critico d’arte contemporanea, esperto di body-art, arti performative e costume-play; appassionato di letteratura e cinema.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here