Star Wars: George Lucas rivela quali erano i suoi piani per la trilogia sequel

0
871
Lucas

Il regista statunitense George Lucas, recentemente ha rivelato come si sarebbe svolta la sua trilogia sequel di Star Wars, dichiarando che i fan l’avrebbero odiata. 

Nel 2012 George Lucas vendette la LucasFilm alla Disney, e fu così che tutti i suoi piani per la trilogia sequel furono accantonati. Nel libro Story of Science Fiction di James Cameron, che ha accompagnato lo speciale di AMC TV, Lucas ha offerto gli spunti su ciò che sperava di esplorare con la serie di film, che avrebbe legato più direttamente a Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma, che alla trilogia originale.

«Gli altri tre film di Star Wars avrebbero esplorato il mondo microbiotico. C’è questo mondo di creature che agiscono in maniera diversa dalla nostra. Li chiamo Whills. E sono proprio gli Whills a controllare l’Universo. E a nutrire la Forza. Se avessi tenuto la compagnia, avrei potuto farlo e l’avrei fatto. Chiaramente so che molti fan avrebbero odiato la scelta, così come hanno fatto con La Minaccia Fantasma e tutto il resto, ma almeno avrei raccontato tutta la storia dall’inizio».

I fan di Star Wars riconosceranno immediatamente la terminologia di Lucas e il significato dei Whills, anche se il regista alla fine abbandonò i primi concetti e convertì le idee nella Forza. Ne La minaccia fantasmaQui-Jon Ginn spiega ad Anakin Skywalker dell’esistenza di microscopici Midi-chlorian all’interno delle cellule di ogni essere vivente, e Rogue One conteneva riferimenti ai Whills, poiché il personaggio di Chirrut Îmwe era descritto come ex Guardiano dei Whills che proteggeva il Tempio del Kyber. La versione originale del primo Star Wars usava persino il titolo “Journal of the Whills” prima che venisse scelto il titolo più orientato all’azione.

Lucas
Chirrut Îmwe

Questa non è la prima volta che un libro ha gettato luce sui piani originali del regista, in quanto anche The Art of Star Wars: The Last Jedi riportava riferimenti ai suoi piani iniziali. La traiettoria generale non era stata interamente sviluppata, sebbene Lucas avesse inizialmente concepito l’Episodio VII come una storia che includeva un vecchio Luke che fungeva da maestro per un personaggio di nome Kira, in un luogo che assomigliava ad Ahch-To. Quando J.J. Abrams prese la regia per Il risveglio della Forza, non abbandonò completamente quei ritmi narrativi, ma piuttosto li ha spinti nell’arco del secondo film della trilogia, mentre il suo si concentrava sull’assenza apparentemente ingiustificata di Luke. Molti elementi dei piani originali di Lucas sono ancora sconosciuti e probabilmente non li sapremo mai tutti in dettaglio, forse perché non vorrebbe che i fan paragonassero il percorso della nuova trilogia con le sue idee precedenti.

Leggi altre news su CiakClub.it!

Nato a Roma, classe 1991.
Non molto bravo nelle autodescrizioni.
Sono un semplice appassionato a qualunque genere di immagine-movimento sullo schermo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here