Seinfeld vs. Friends: le migliori serie comedy di sempre

Seinfeld e Friends sono universalmente considerate le migliori serie comedy di sempre. Il confronto fra i due show degli anni '90...

0
1000

Seinfeld e Friends sono universalmente considerate le migliori serie comedy di sempre. Il confronto fra i due show degli anni ’90…

Successo di critica e pubblico, impatto culturale, premi, capacità di rivoluzionare il mondo della serialità comica televisiva: Seinfeld e Friends rappresentano questo e altro. Il format – tanto familiare per gli amanti di How I Met Your Mother – è quello degli “amici al bar intorno ai trent’anni, possibilmente single e al centro di New York”. Molti dei comedy show di questo secolo sono fortemente influenzati da questi due grandi capolavori del piccolo schermo, targati anni ’90, i quali si sono imposti come pionieri e capostipiti del genere.

Friends lo conoscono tutti. Seinfeld  – nonostante il grande successo di pubblico all’epoca – è stato dimenticato dalle nuove generazioni, accontentandosi di rimanere un cult di nicchia. È un’istituzione negli USA. Sono universalmente considerate le migliori serie di sempre nel mondo della commedia televisiva. Attenzione, però, perché la maggior parte dei critici considera Seinfeld migliore rispetto “al rivale”, in quanto superiore nella sceneggiatura e nel “fattore innovazione”. Anche perché uscì qualche anno prima.

Seinfeld (1989-1998, nove stagioni)

Seinfeld e Friends

Seinfeld, da molti considerata una delle serie dalla maggior qualità di scrittura mai prodotta, venne presentata come “una serie sul nulla”. Mai tagline fu più azzeccata. L’idea fu molto innovativa: nessun’altro aveva mai convinto un’emittente televisiva a produrre una serie in cui non succede niente, o quasi. L’opera, infatti, racconta la vita comune di quattro personaggi al centro di New York.

Lo sviluppo narrativo – soprattutto nelle prime stagioni – è minimo, spesso quasi assente. Lo show racconta più che altro i piccoli eventi giornalieri di Jerry, Elaine, George e Kramer. Non c’è una vera idea portante, se non quella di raccontare la banalità del quotidiano: per questo si può considerare un’opera nichilistaSeinfeld si basa su uno stile di comicità molto cinico; non c’è impegno sociale – se non quello di dissacrare determinati luoghi comuni dell’America di quel periodo, ma senza mai proporre esempi positivi. I personaggi sono eticamente a dir poco discutibili.

Lo show nasce dal genio di Jerry Seinfeld che, oltre a crearlo, interpreta anche il personaggio principale, a cui da il suo stesso nome. La creazione del telefilm avviene in collaborazione con Larry David, il quale abbandonò tuttavia dopo la settima stagione. Seinfeld, trasmesso dalla NBC, vinse dieci Emmy Awards e tre Golden Globe.

Friends (1994-2004, dieci stagioni)

Seinfeld e Friends

Anche Friends ha avuto un impatto culturale clamoroso. Sei amici condividono appartamenti e chiacchierano con ritmo e battute incalzanti; pure Friends, con una storyline dinamica e fitta di eventi, è scritta benissimo. Un’altra istituzione per la storia dell’evoluzione televisiva. Ross, Rachel, Monica, Chandler, Joey e Phobe sono in attesa di una svolta sentimentale e professionale. Intanto, condividono un’amicizia meravigliosa fra due appartamenti e il Central Perk, lo storico locale di Manhattan.

La storia parte con due punti di svolta: Rachel abbandona il suo futuro marito all’altare, taglia i ponti con i genitori e si stabilisce a vivere con Monica, sua amica di vecchia data che non vede da anni. Ross viene lasciato dalla moglie per una donna, scoprendosi improvvisamente lesbica. Ovviamente Ross, fratello di Monica, è innamorato di Rachel dai tempi della scuola…

Friends vinse quattro Emmy e lanciò la carriera di Jennifer Aniston in particolare. Venne creata da David Crane e Marta Kauffman. Andò in onda, battendo qualsiasi record di ascolti, per 10 anni sempre sulla NBC. Ambientato a New York, venne girato quasi interamente negli studi di Los Angeles.

Differenze ed elementi in comune fra Seinfeld e Friends

Julia Dreyfus interpreta Elaine Benes

Differenze

Le storyline di Friends si evolvono fra un episodio e un altro, oltre alle classiche trame auto-risolutive in 20 minuti. I personaggi crescono, imparano e si evolvono umanamente. Sono persone sostanzialmente positive: ricche di difetti ma principalmente buone e sensibili. Coerentemente con la trama piena di eventi, possiamo definire lo show di Crane e Kauffman un’opera in costante movimento verticale. Seinfeld, invece, è una serie immobile in cui non cambia veramente mai niente, in linea con la concezione del nulla. Ha dei personaggi sostanzialmente negativi e altrettanto incapaci di evolversi: Jerry è superficiale nelle relazioni con le donne e abbastanza individualista; Elaine è incoerente con i suoi principi progressisti e alquanto egocentrica; Kramer è semplicemente pazzo e dissociato dalla realtà. È George Costanza, tuttavia, ad essere uno dei personaggi più geniali e meglio caratterizzati che si siano mai visti: è un bugiardo patologico, vile e codardo, egoista e vittimista. Arriva addirittura ad occupare il parcheggio dei disabili e a spingere i bambini per uscire per primo da una casa in fiamme. È il migliore proprio per questo; impossibile non amarlo.

Friends è una serie ricca di idealismo. La storia sviluppa concetti romantici come la realizzazione del vero amore e soprattutto – basti vedere il titolo – crede fortemente nel concetto di amicizia, su cui si basa l’intera opera. Certo, a tratti può anche esserci un pizzico di cinismo in alcune battute, ma mai quanto Seinfeld… quest’ultima è una serie il cui cinismo – basti vedere la descrizione di George – la fa da padrona fino alla fine. È quasi totalmente assente un impegno ideologico e di valori, al contrario di Friends.

Seinfeld e Friends
Jennifer Aniston interpreta Rachel Green

Elementi in comune

Fra le cose simili di cui si può parlare, ovviamente le due serie hanno il format di base: è quello che ormai possiamo definire “quello degli amici al bar”.

Come spesso accade nel mondo del cinema, gli elementi di successo di ambedue i prodotti sono legati al concetto di empatia tra spettatore e personaggio. Seinfeld e Friends sono praticamente il contrario fra loro, ma hanno questo oggetto in comune: nel primo caso, l’empatia arriva guardando tutto ciò che c’è di sbagliato nei nostri piccoli gesti quotidiani. Esce tutto il marcio. Parliamo di piccole cose, ovviamente, quelle più vicine alle nostre vite. Non si tratta di criminalità o elementi alla Breaking Bad: nessuno uccide nessuno, ovviamente. Ma voi avete mai litigato con qualcuno per ottenere il posto in metro? Con Friends è l’opposto: chi lo guarda si avvicina ad esso tramite i sentimenti più puri: i rapporti sociali e l’affetto, le difficoltà sentimentali e i valori. C’è la speranza che le cose possano sempre migliorare. Ecco perché i suoi personaggi sono così amati. In entrambi i casi, però, è “empatia” la parola chiave.

Tutti e due i telefilm hanno degli attori eccezionali, capaci di rendere credibile e interessante qualsiasi cosa. Julia Louis-Dreyfus, interprete di Elaine, ha dei tempi comici invidiabili. Lo stesso vale per tutti gli attori di Friends. L’interpretazione di Kramer, da parte di Michael Richards, si basa sull’uso del fisico: tic nervosi ed espressioni a tratti macchiettistiche, quasi da film muto. Jennifer Aniston, infine, porta in scena un personaggio nevrotico nei movimenti e nel modo di parlare. Bravissima.

Dunque, qual è la migliore?

Stabilire quale sia la migliore fra le due serie è difficile. Per quanto riguarda l’opinione dei critici, Seinfeld è leggermente in vantaggio. Come opera di costume, in grado di segnare generazioni intere, l’impatto di Friends è stato superiore.

Alla fine, sono gusti: preferite il cinismo o l’idealismo? Kubrick o Hitchcock? Ronaldo o Messi? Mozart o Beethoven? Dualismi infiniti, senza risposte. Fate la vostra scelta. Sono entrambi dei prodotti da godersi fino alla fine – anche più volte – episodio per episodio. Seinfeld è interamente disponibile su Amazon Prime Video, Friends su Netflix.

A cura di Tiziano Angelo.

Leggi anche la recensione di Comedians in car getting coffe, la serie di Jerry Seinfeld presente su Netflix.

 

 

 

Nato a Roma. Giornalista sportivo e cinematografico. Studioso e appassionato della Settima Arte e della letteratura da sempre. È tutto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here