Tarantino: “Once Upon a Time in Hollywood sarà il nuovo Pulp Fiction!”

Lo ha dichiarato lo stesso regista al CinemaCon di Las Vegas, a cui ha presenziato insieme ai due protagonisti del film: Leonardo DiCaprio e Brad Pitt.

0
75728

Come se non bastasse avere già le aspettative alte, nonostante le riprese debbano ancora cominciare e l’inizio sia previsto per il mese di luglio. Sono alte perché Once Upon a Time in Hollywood sarà il nono film di Quentin Tarantino (considerando, logicamente, i due volumi di Kill Bill un progetto unico). Perché i protagonisti saranno Leonardo DiCaprio e Brad Pitt. Perché nel cast c’è anche Margot Robbie. Perché Los Angeles sarà un gigantesco set a cielo aperto. Come se non bastasse tutto questo, come se l’hype non fosse già alle stelle, ecco che arriva un paragone col botto per bocca di Tarantino stesso: “Questo film sarà il nuovo Pulp Fiction.”

Questo ha dichiarato il regista di Knoxville al CinemaCon di Las Vegas a cui ha presenziato insieme a DiCaprio e Brad Pitt, che lui stesso ha definito “il duo di star più dinamico ed eccitante dai tempi di Paul Newman e Robert Redford. Uno sarà l’attore in crisi, l’altro la sua controfigura”. Complimento a cui l’attore premio Oscar del 2016 ha risposto con un altro complimento, riguardo la sceneggiatura del film: “Sono nato a Los Angeles, quindi sono orgoglioso di fare parte di questo film. La sceneggiatura, poi, è una delle più fantastiche che Quentin abbia mai scritto”.

Ma di cosa parlerà Once Upon a Time in Hollywood? Sarà ambientato nel 1969 e la trama riguarderà i delitti della famiglia Manson, in un’epoca in cui Hollywood vive profondi cambiamenti. Il vecchio sistema è al collasso e nuove idee stanno per rivoluzionare l’industria, che diventerà aperta a nuove tematiche da portare sullo schermo: sesso, droga, rock ‘n roll, per capirci.

“È l’esplosione della controcultura. Si svolge all’epoca della rivoluzione hippie, all’alba della nuova Hollywood” – ha proseguito Tarantino, che ha poi sganciato la bomba – “Il soggetto è molto simile a quello di Pulp Fiction. Lo ricorda molto sia per lo stile che per le tematiche”.

Il film – che per la prima volta nella carriera di Tarantino non sarà prodotto dalla Miramax, per ovvie ragioni, ma dalla Sony Pictures – uscirà il 9 agosto 2019, in concomitanza col cinquantesimo anniversario dell’omicidio di Sharon Tate (la moglie di Roman Polanski, interpretata proprio dalla Robbie nel film) per mano della setta di Charles Manson, e senza alcun dubbio sarà una delle pellicole più attese di tutta l’annata.

Questa e altre notizie nella sezione News di CiakClub.it

Sceneggiatore, nel tempo libero scrivo racconti. Credo che ogni persona abbia un universo dentro e che vada raccontato. Credo nell’empatia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here