Xavier Dolan non vuole andare a Cannes a presentare il suo ultimo film

Nonostante il via libera degli organizzatori l'enfant prodige franco-canadese ha deciso che diserterà il Festival di cinema più importante del mondo

0
510

Quando gli organizzatori del Festival di Cannes – lo scorso giovedì – hanno annunciato la lineup ufficiale, un film la cui presenza si dava per scontata non era presente: l’ultimo lavoro di Xavier Dolan, The Death and Life of John F. Donovan. L’enfant prodige 29enne franco-canadese non presenterà quindi il suo progetto più ambito, per la prima volta in lingua inglese. La pellicola tratta della storia di una star televisiva americana (Kit Harrington) trovatosi ad affrontare le conseguenze mediatiche e sociali della propria relazione con un ragazzino di 11 anni.

Nel 2016 il film di Dolan è entrato in produzione e, dopo qualche ritardo, le riprese sono terminate agli inizi del 2017. Sembrava una scommessa sicura da giocare a Cannes, dal momento in cui cinque dei sei lungometraggi del regista sono stati proiettati proprio al Festival. Il film, però, è andato incontro ad una serie di problemi legati alla post-produzione, come la necessità di tagliare determinate parti, fra cui, durante il febbraio 2018, praticamente tutte le scene cui Jessica Chastain  aveva preso parte. Ciononostante Dolan ha dichiarato di aver comunque presentato una versione del film agli organizzatori e di essere stato chiamato a presentarlo al Festival, ma in seguito si è convinto a declinare.

Dolan e gli altri giurati durante al Festival di Cannes 2015

<<Il film è semplicemente ancora in post-produzione>>, ha scritto Dolan in un’email. <<Volevo mandarlo a Cannes, e l’ho fatto. Ma alcuni problemi dell’ultimo minuto ci hanno convinto che forse il Festival non fosse il posto ideale per la premiere del film, e non posso dire di non essere d’accordo con questa affermazione al momento>>. Ha poi aggiunto: <<Donovan è una pellicola che si concentra, fra le altre cose, sulla fama cercando di capire come gli artisti possano vivere le proprie vite con integrità. Sembrava così giusto e naturale presentarlo ad un festival che celebra gli artisti e l’arte cinematografica>>.

<<Abbiamo deciso che Donovan debutterà altrove. Non sono esattamente nella posizione di dire dove al momento. Ma faremo ciò che è meglio per il film, ovviamente>>.

Leggi anche: È solo la fine del mondo, la recensione

Per mettermi i piedi in testa ci vuole Ben Affleck

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here