Il regista ceco Miloš Forman è morto a 86 anni

Il leggendario artista ceco, autore di capolavori immortali come Qualcuno volò sul nido del cuculo e Amadeus, è morto la scorsa notte negli Stati Uniti

0
223

Miloš Forman, il regista ceco che ha vinto per ben due volte l’Oscar per film del calibro di  Qualcuno volò sul nido del cuculo e Amadeus, è morto all’età di 86 anni.
Forman è scomparso lo scorso venerdì sera dopo una breve malattia, come dichiarato dalla moglie Martina, che ha confermato la morte attraverso l’agenzia di stampa di stampa CTK.

Nato in Cecoslovacchia, Miloš Forman era considerato uno dei registi più talentuosi della sua generazione. Nell’insieme, i suoi film hanno guadagnato 33 candidature agli Oscar, di cui 13 vinte. La sua prima candidatura arrivò nel 1965 per Gli amori di una bionda (Lásky jedné plavovlásky), che era in corsa per il miglior film straniero.
Il suo film successivo – Fuoco ragazza mia! (Hoří, má panenko) – del 1967 fu candidato nella medesima categoria, ma stavolta causò al regista considerabili problemi in Cecoslovacchia, dove la satira nei confronti del comunismo non fu accolta positivamente. Ne conseguì la censura in tutta l’Unione Sovietica e la necessità per Forman di emigrare negli Stati Uniti.
Forman dirige Nicholson sul set de Qualcuno volò sul nido del cuculo

Nel 1976 il regista lavorò l’adattamento del romanzo del 1962 di Ken Kesey: One Flew Over the Cuckoo’s Nest (Qualcuno volò sul nido del cuculo). Grazie anche alla memorabile performance di Jack Nicholson, il film guadagnò riconoscimenti entusiastici pressoché unanimi da parte della critica e del pubblico. Divenne la seconda pellicola nella storia ad aggiudicarsi i cinque principali Oscar (miglior film, miglior attore protagonista, migliore attrice protagonista, miglior regista e miglior sceneggiatura).

Forman alle prese col biopic Amadeus
Neanche dieci anni dopo Miloš Forman rilasciò un altro capolavoro tratto dalla pièce teatrale di Peter Shaffer, Amadeus. Uscito nel 1985 la pellicola vinse 8 delle 11 statuine a cui era candidata, fra cui miglior film, miglior regista e miglior attore protagonista (F. Murray Abraham).
Forman e Jim Carrey durante le riprese di Man on the moon

Altri lavori degni di nota di Miloš Forman includono il suo adattamento del musical di Broadway, Hair (1979); Larry Flint – Oltre lo scandalo (1996); il biopici su, Man on the Moon (1999).

Per mettermi i piedi in testa ci vuole Ben Affleck

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here